Punto nascita di Sulmona: cittadina non vuole più votare per protesta

Clotilde Iavarone ha riconsegnato la propria tessera elettorale. Intanto oggi si terrà un consiglio comunale straordinario a L'Aquila

Punto nascita di Sulmona: cittadina non vuole più votare per protesta

A SULMONA SI RICONSEGNA LA TESSERA ELETTORALE. Non c'è dubbio che, tra le quattro città abruzzesi che dovranno dire addio al proprio punto nascita, Sulmona si sia rivelata quella più battagliera e che sta cercando fino all'ultimo di scongiurare tale evenienza anche con azioni eclatanti.

Ieri, bavaglio sulla bocca e tessera elettorale in mano, una cittadina è andata in Comune per rinunciare al diritto al voto. La signora si chiama Clotilde Iavarone ed è la presidente dell'associazione Orsa Pro Natura.

"Non abbiamo più voce, quindi nemmeno il diritto-dovere di voto - ha dichiarato Clotilde Iavarone - Abbiamo argomentato ampiamente le nostre esigenze. E' in atto una politica devastante contro le aree interne dell'Abruzzo. Non vale a niente parlare. E allora io non voglio più votare".

Oggi, intanto, si terrà a L'Aquila un consiglio comunale straordinario per ribadire la protesta in favore del punto nascita. La seduta avrà luogo in concomitanza con il consiglio regionale.

Gli Indipendenti

giovedì 09 aprile 2015, 07:15

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
sulmona
attualita
nascita
punto
proteste
Cerca nel sito

Identity