Discarica Bussi. Decide Roma

Il 26 ottobre i giudici della Corte di Cassazione sul ricorso della Procura e Codici contro gli ex-imputati di Aca e Ato

Discarica Bussi. Decide Roma

INQUINAMENTO POZZI. TOCCA ALLA CASSAZIONE. Il ricorso presentanto dalla Procura di Pescara e dall'associazione Codici (Centro per i Diritti del Cittadino) contro la sentenza di assoluzione di alcuni imputati nella famosa vicenda della discarica più grande d'Europa (Bussi) e dell'inquinamento dei pozzi di acque potabili approda in Cassazione. L'Udienza di Camera di Consiglio, presso la Prima Sezione della Corte Suprema di Cassazione, è stata fissata per il prossimo 26 ottobre a Roma.

L'ITER PROCESSUALE. Il Tribunale di Pescara, con sentenza pronunciata il 10-5-2011 ha dichiarato il "non luogo a procedere" nei confronti degli imputati D’Ambrosio Giorgio, Catena Bruno, Di Giovanni Bartolomeo, Livello Lorenzo Rongione Roberto, Angelucci Roberto, Feliciani Franco e Franci Sergio all'epoca vertici di Aca e Ato. 

LA PAROLA DI CODICI. «Accogliendo uno o più motivi del nostro ricorso - spiega Domenico Pettinari di Codici - la Suprema Corte potrebbe annullare la sentenza di grado precedente e prevedere un rinvio al giudice di merito che dovrà adeguarsi alle decisioni prese dagli ermellini». Del filone principale del processo sulla maxi-discarica di Bussi, quello che tra gli altri vede imputati gli amministratori di Solvey, se ne occuperà la Corte d'Assise di Chieti. 

Reda Inde

giovedì 20 settembre 2012, 13:24

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
scandalo
bussi
d'ambrosio giorgio
catena bruno
di giovanni bartolomeo
livello lorenzo rongione roberto
angelucci roberto
feliciani franco
franci sergio
cassazione
ricorso
codici
procura
pescara
processo
notizie
26 ottobre
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano