Edison effettuerà interventi di caratterizzazione in due aree del sito di Bussi

La novità è emersa nella conferenza dei servizi per il Sito di Interesse Nazionale (SIN) ieri al Ministero dell'Ambiente

Edison effettuerà interventi di caratterizzazione in due aree del sito di Bussi

EDISON INTERVERRA' SUL SITO DI BUSSI SUL TIRINO. "La Edison effettuera' gli interventi di caratterizzazione in due aree del sito di Bussi in Abruzzo": e' questa "la novita' di maggior rilievo" emersa nella conferenza di servizi per il Sito di interesse nazionale (Sin) di Bussi sul Tirino presso il Ministero dell'Ambiente. La multinazionale dell'energia "ha confermato la disponibilita' ad attivarsi per l'esecuzione degli interventi di caratterizzazione e l'adozione di misure di prevenzione nell'area 'Tremonti' di proprieta' della stessa Edison, nel comune di Bussi, e nell'area 'Ex Montecatini', oggi di proprieta' della societa' Moligean, nel comune di Bolognano, per la quale la Provincia di Pescara ha emesso a settembre 2015 una ordinanza nei confronti di Edison riconoscendola quale soggetto responsabile della contaminazione". Il ministero ha chiesto a Edison di concludere entro 90 giorni le operazioni di caratterizzazione che dovrebbero quindi essere ultimate entro l'inizio di marzo. Scadono invece il 10 dicembre i termini assegnati dal Ministero agli altri soggetti privati che stano svolgendo le attivita' di caratterizzazione negli altri siti. La conferenza di servizi ha inoltre approvato Piani di caratterizzazione delle aree di Rfi- Gruppo Ferrovie dello Stato e quello relativo all'area dello stabilimento 'Isagro SpA'. Infine la Regione Abruzzo ha comunicato di aver in corso di predisposizione uno schema di convenzione con Arta Abruzzo per il finanziamento dell'esecuzione delle indagini previste nel Piano di caratterizzazione delle aree pubbliche.

Redazione Independent

giovedì 01 dicembre 2016, 17:40

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
bussi
edison
abruzzo
ex montecatini
notizie sin
Cerca nel sito