Scuole provincia Chieti, a rischio i servizi sociali per disabili

Problemi per il trasporto e l'assistenza scolastica qualificata, nonchè per l'assistenza educativa domiciliare a ciechi, sordi e pluriminorati

Scuole provincia Chieti, a rischio i servizi sociali per disabili

DISABILI CHIETI, SERVIZI SOCIALI A RISCHIO. Sono a rischio il servizio di trasporto e di assistenza scolastica qualificata a favore degli studenti in situazione di handicap o di svantaggio e il servizio di assistenza educativa domiciliare ai disabili sensoriali ciechi, sordi e pluriminorati che frequentano le scuole superori della Provincia di Cheti. Lo hanno annunciato nel corso di una conferenza stampa il presidente della Provincia Enrico Di Giuseppantonio e l'assessore alle Politiche Sociali Gianfranca Mancini.

MANCINI. "Con le somme a disposizione - precisa l'assessore Mancini - possiamo coprire il servizio della L.R. 78/78 relativo al trasporto per un periodo di tempo limitato, che va dal 15 settembre al 15 ottobre. Per fronteggiare le richieste degli utenti per la parte rimanente dell'anno, ovvero fino al 31 dicembre 2014, abbiamo bisogno di ulteriori 220.731,37 euro. Invece, per quanto riguarda i servizi di assistenza ai disabili sensoriali possiamo garantirli soltanto dal primo ottobre al 15 novembre 2014, in pratica occorrono fondi pari ad 79.200,00 euro per coprire il servizio fino al 31 dicembre 2014".

NE HANNO PARLATO CON LA BELLA MARINELLA. "Abbiamo rappresentato all'assessore Marinella Sclocco le difficolta' della nostra Provincia di provvedere a certi servizi per natura insopprimibili - affermano il presidente Di Giuseppantonio e l'assessore Mancini - ma per il nostro bilancio i servizi sociali ai disabili non sono piu' sostenibili rispetto al fabbisogno del territorio, a fronte della riduzione di trasferimenti statali e dei contributi regionali che nello specifico non superano il 21% negli ultimi cinque anni. Chiediamo alla Regione di attribuire al problema un'importanza prioritaria perche' parliamo di servizi essenziali, esplicazione del diritto allo studio, una responsabilita' istituzionale nei confronti degli utenti che dobbiamo assolvere insieme. Per i soli trasporti, negli ultimi cinque anni, questa Provincia ha anticipato per conto della regione che dovrebbe garantire un contributo del 50%, una cifra importante che ammonta a 1.319.233,99 di euro dal 2009 al 2013, lo abbiamo fatto pur di assicurare regolarmente l'attuazione degli interventi a favore dei ragazzi diversamente abili e pur in presenza della grave situazione deficitaria in cui notoriamente versa l'Ente".

LE RISORSE NECESSARIE. Le risorse necessarie a garantire il servizio di trasporto di cui alla legge regionale n. 78/78 per l'intero 2014 risultano pari a 1.056.850,73 euro, a fronte di una disponibilita' effettiva da parte della provincia di Chieti di 836.137,36 euro, di cui 682.278,56 euro coperti con fondi propri, l'esigua parte con i fondi regionali assegnati per la corrispondente annualita'. Per quanto riguarda i servizi riferiti alla L.R. n. 32/97 e alla legge n. 284/07 sull'assistenza educativa ai disabili sensoriali, il contributo regionale per l'annualita' 2014 appena comunicato dalla Regione Abruzzo e' pari a 75.449 euro ulteriormente ridotto di circa quattordicimila euro rispetto al 2013. La Provincia ha stanziato a oggi 79.971 euro per poter erogare il servizio agli 88 utenti che ne hanno necessita'.

Gli Indipendenti

giovedì 18 settembre 2014, 16:10

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
disabili
servizi
sociali
scuole
chieti
cronaca
Cerca nel sito