Province: offensiva mediatica

Partita in tutta Italia la campagna "Salva poltrona". Intanto a Pescara si distribuiscono premi per 111mila euro

Province: offensiva mediatica

PROVINCE: CUI PRODEST? - Nel giorno in cui l'UPI  - Voi direte: «Cosè?». E noi vi rispondiamo:«Udite, Udite! E' lUnione delle Province Italiane»-  lancia un'offensiva mediatica per combattere il Decreto Monti, che ne ha sancito la soppressione, ecco che a Pescara succede qualcosa di particolare. Con delibera a firma del presidente Guerino Testa sono stati riconosciuti premi per funzionari e dirigenti (quasi 60 persone9 per un importo di 111.307 euro. Vi sembrano pochi, in tempi di crisi economica e di lotta agli sprechi? A noi non sembra, ma se la legge stabilisce simili azioni la colpa non è certo di chi li riceve. Sarebbe, invece, stato belle vedere il presidente Testa proporre una moratoria, ai propri dipendenti, e magari utilizzare quella somma per progetti rivolti alla collettività: come borse di studio per i disoccupati, le madri in difficoltà, il sociale, etc..Poi, cosa succederà adesso in provincia di Chieti, Teramo e L'Aquila? Come accoglieranno la notizia i dipendenti degli enti presieduti da Catarra, Di Giuseppantonio  e Del Corvo? Secondo noi vorranno il medesimo trattamento dei colleghi pescaresi. 

RETRIBUZIONE DI RISULTATO? - La motivazione, sancita dalla legge sul pubblico impiego, è la cosiddetta retribuzione di risultato, una voce accessoria della busta paga che si aggiunge a quelle fisse (retribuzione tabellare, retribuzione di anzianità e retribuzione di posizione) e che fa lievitare gli importi corrisposti ai dipendenti con incarichi di responsabilità. Voi direte: «Ma di quali risultati si parla?» E noi: «Non ne abbiamo la minima idea. Anzi, se fossero così importanti i compiti svolti dalle benedettissime province italiane, perchè il super premier, osannato a destra e manca, Mario monti ne avrebbe decretato la morte?»

Marco Beef

lunedì 30 gennaio 2012, 16:11

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
upi
offensiva mediatica
pescara
province
testa
di giuseppantonio
monti
soppressione
premio
funzionari
I vostri commenti

Sandro Di Scerni

Io non sono contro l'abolizione delle Province. Io sono per l'abolizione delle Regioni, la costituzione di macroregioni, l'accorpamento delle Province e la soppressione dei piccoli comuni. Sono perché si proceda a definire i nuovi confini incaricando Geografi, Economisti, Sociologi e Demografi e lasciando alla politica la scelta finale. Perché abolire le Regioni? Perché sono diventate - alla faccia della riforma delle autonomie del 1975 - dei piccoli Stati decentrati autoritari e molto spesso spreconi e inefficienti (un esempio lampante: la Regione Abruzzo, indubbiamente tra le peggiori). Perché mantenere le Province ma accorpandole? Perché sono vicine ai territori, perché - ridefiniti i confini - potrebbero essere caricate a tutti gli effetti di pianificare il territorio e distribuire le risorse. Detto questo, siamo al ridicolo! La Provincia di Pescara premia i dirigenti. Per cosa? Per aver evitato l'emergenza rifiuti? Per aver supportato l'inutile commissario Testa nell'inutile commissariamento per dragare il porto di Pescara? Per aver realizzato un sistema scolastico efficente? Per aver pianificato il territorio evitandone la devastazione? Per aver realizzato un moderno sistema stradale? Questi, in anni di chiacchiere, neanche sono riusciti a sistemare la Stella Maris che, diciamocela tutta, è un edificio.

lunedì 30 gennaio 2012, 17:00

Cerca nel sito