Parolisi assolto in appello?

Perplessità sulle motivazioni post-condanna all'ergastolo. I difensori Biscotti e Gentile: «sentenza fantasiosa»

Parolisi assolto in appello?

DELITTO REA. PAROLISI ASSOLTO IN APPELLO. I legali dell'ex caporal maggiore dell'esercito Salvatore Parolisi, condannato in primo grado all'ergastolo per l'omicidio della moglie Melania Rea, avvenuto il 18 aprile 2011, con 35 coltellate, nel bosco delle Casermette a Ripe di Civitella (Teramo), affilano le unghia ed annunciano l'appello durante una tesa conferenza stampa. «Siamo sbalorditi dalle motivazioni della sentenza depositata dal giudice Tommolini», così il difensore Walter Biscotti a commento del fascicolo depositato la settimana scorsa. «Nelle motivazioni - aggiunge l'altro legale Gentile - vengono spesso usati avverbi quali "probabilmente" o "verosimilmente" per dimostrare un delitto d'impeto in conseguenza di un rifiuto ad una prestazione sessuale. Siamo ai teoremi. Che fine ha fatto il principio del ragionevole dubbio? La motivazione è fantasiosa. Questa sentenza reggerà poco, anche alla luce di pronunciamenti di Cassazione». Se dal punto di vista processuale restano i dubbi sulle motivazioni di condanna meno ne appaiono sul comportamento tenuto dal 31enne Frattamaggiore, in seguito al ritrovamento del cadavere della giovane moglie.

twitter@subdirettore

lunedì 07 gennaio 2013, 15:24

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
parolisi
legali
appello
assolto
scarcerato
gentile
biscotti
tommolini
motivazioni
Cerca nel sito