Luciano Re delle campagne elettorali: "A Chieti il mega ospedale"

La giunta regionale ha deciso di stanziare 105 milioni per il potenziamento del Santissima Annunziata di Colle dell'Ara. E gli altri ospedali che faranno?

Luciano Re delle campagne elettorali: "A Chieti il mega ospedale"

COLPO DI SCENA A SEI GIORNI DAL VOTO. Colpo di scena del Re delle campagne elettorali Luciano D'Alfonso che a sei giorni dalle elezioni teatini annuncia lo stanziamento di 105 milioni di euro per il potenziamento del presidio sanitario Santissima Annunziata di Colle dell'Ara. Una notizia clamorosa per Chieti dove domenica si voterà per il rinnovo delle cariche in seno al Palazzo d'Achille - ed il Pd vuole assolutamente riconquistare la terza città d'Abruzzo da sempre feudo del centrodestra - e che spegne definitvamente la polemica sorta dall'ipotesi di costruire un mega ospedale a Sambuceto, a metà strada fra i presidi di Chieti e Pescara.

Ma non tutte le rose del giardino fioriscono. Perchè se è vero che l'opposizione al centrosinistra è stata silenziata, adesso a storcere il naso sono i territori di Lanciano, Vasto, Sulmona ed Avezzano nei quali si prevedeva la realizzazione di 5 nuovi ospedali.

Ovviamente col dirottamento di oltre un terzo del fondo stanziato per l'edilizia saniaria (317 milioni) i soldi non ci sono più, e allora che si fa?

Chi dovra rinunciare alla promessa di avere un presidio sanitario nuovo, sicuro e tecnologicamente avanzato come previsto dal piano di riorganizzazione della sanità abruzzese?

Quale coniglio uscirà dal cilindro dalfonsista per stupire ancora?

Redazione Independent

lunedì 25 maggio 2015, 13:49

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
chieti
campagna elettorale
ospedale
voto
febo
di primio
Cerca nel sito

Identity

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?

Società

di Silvia Cipolloni

Wistleblowing!

Sport

di Benny Manocchia

Ciao Italia!