"La tua guerra ora", azione dimostrativa del Blocco Studentesco a Lanciano

De Lucia: "In una società risucchiata dal materialismo e dall’individualismo, riaffermare il lirismo e la nobiltà d’animo che da sempre caratterizzano la nostra nazione è un atto rivoluzionario"

"La tua guerra ora", azione dimostrativa del Blocco Studentesco a Lanciano

"LA TUA GUERRA, ORA". Con una fulminea azione dimostrativa a Lanciano i ragazzi del Blocco Studentesco hanno dato il via a un nuovo anno scolastico. “La tua guerra ora”, questo il testo dello striscione srotolato davanti al Monumento ai caduti. Un gesto evocativo che celebra la forza e l’energia giovanile in chiave futurista.

«Abbiamo voluto celebrare l’inizio del nuovo anno scolastico partendo dal luogo più commemorativo della nostra città – afferma Domenico De Lucia, responsabile cittadino del Blocco Studentesco – rendendo onore ai nostri avi caduti in guerra e lanciando per loro la nostra sfida alle stelle. In una società risucchiata dal materialismo e dall’individualismo, riaffermare il lirismo e la nobiltà d’animo che da sempre caratterizzano la nostra nazione è un vero e proprio atto rivoluzionario. Riportare in auge la sacralità della scuola, quale centro nevralgico per la formazione degli uomini di domani, dovrebbe essere una priorità per i riformatori che dicono di voler risollevare le sorti di questo martoriato Paese. Il nostro obiettivo è quello di riaccendere negli animi assopiti dei giovani la voglia di lottare, di incarnare l’esempio di chi ha scritto la storia d’Italia in un impeto di eroismo».

Redazione Inde

martedì 20 settembre 2016, 14:08

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
lanciano
cronaca
proteste
bloccostudentesco
domenicodelucia
Cerca nel sito

Identity

Attualità

di Benny Manocchia

Se questa è Europa

Società

di Benny Manocchia

Americani senza Dio

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?