Trump-Papa Francesco: scontro pericoloso

Il presidente americano Trump ha appena dichiarato che "muovera' l'ambasciata USA a Israele, da Tel Aviv a Gerusalemme". Il Papa ha detto: mantenere lo status quo

Trump-Papa Francesco: scontro pericoloso

TRUMP-PAPA FRANCESCO: SCONTRO PERICOLOSO. Un commentatore politico americano ha definito "machiavellismo" (termine negativo per  caratterizzare politici senza scrupoli) il comportamento di Papa Francesco, riferendosi soprattutto all'opinione del capo della chiesa cattolica nei riguardi di Gerusalemme. Il presidente americano Trump ha appena dichiarato che "muovera' l'ambasciata USA a Israele, da Tel Aviv a Gerusalemme". Il Papa ha detto: mantenere lo status quo. Uno scontro frontale pericoloso. Una miccia pronta, ogni volta che il Papa rilascia una dichiarazione considerata stridente in quanto politica, un campo che il Santo Padre non dovrebbe toccare, secondo i leaders di altre religioni. Insomma, un campo minato. Il quotidiano dei conservatori statunitensi ha definito comunista o comunque di sinistra, il primo cittadino del Vaticano. I cattolici americani (70 milioni, una cifra che scende continuamente) non sono d'accordo con il Papa. Si chiedono spesso ad alta voce: ma cosa vuole fare, riempire l'Italia di stranieri in cerca di lavoro che non eiste nemmeno per gli italiani? Qualcuno ha perfino ammesso che si tratta del Papa meno vicino alla dottrina cattolica..dell'intera storia vaticana. Dicevo prima che si tratta di un confronto pericoloso. Per l'America, la decisione di muovere l'ambasciata USA da Tel Aviv a Gerusalemme significa rinfocolare un rancore, un odio mortale tra palestinesi e israeliani. Sono gia' arrivate le prime reazioni: l'America paghera' per questo affronto, bruceremo le citta' statunitensi...Per il Vaticano, che ormai sembra avviluppato nella politica mondiale, significa perdere milioni di cattolici che vivono in questa parte del mondo, di perdere mlioni di $ che questi milioni di cattolici versano nelle borse del vaticano. In USA dicono che l'Italia non e' colpita dall' Isis ecc, proprio perche' il papa continua a dire: aprite le porte agli immigrati musulmani. Sara' proprio cosi'? In ultima analisi oltre 200 milioni di protestanti sono lieti di vedere i loro avversari da secoli trovarsi nei guai proprio per il Papa, quel prete che loro non hanno mai accettato.

Benny Manocchia

mercoledì 06 dicembre 2017, 21:56

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
trump
papa francesco
gerusalemme
ambasciata
tel aviv
vaticano
israele
Cerca nel sito