Thales, Di Primio si appella a Renzi: “Il governo al tavolo del Mise”

Il sindaco di Chieti si rivolge al presidente del consiglio: "Le chiedo di intraprendere tutte le iniziative necessarie"

Thales, Di Primio si appella a Renzi: “Il governo al tavolo del Mise”

LA SOLIDARIETA' DI UMBERTO. La vertenza della Thales di Chieti Scalo finisce sul tavolo del presidente del consiglio Matteo Renzi. Il sindaco Umberto Di Primio ha infatti scritto al premier chiedendogli di “far intervenire un autorevole esponente del Governo al Mise dove le parti sono convocate per il prossimo 11 aprile”.

"Lo scorso 22 febbraio – ricorda il primo cittadino – ho avuto il piacere di partecipare con lei alla visita presso lo stabilimento della Walter Tosto di Chieti, esempio di eccellenza produttiva italiana apprezzata in tutto il mondo. Altra qualificata presenza industriale ben radicata nel tessuto teatino della Val Pescara, e’ quella della Thales Italia, il cui stabilimento e’ presente a Chieti sin dal 1974. Il settore in cui opera lo stabilimento di Chieti con i suoi circa 100 addetti e’ quello della ricerca e dello sviluppo di sistemi elettronici e delle telecomunicazioni ed il maggior committente e’ il ministero della Difesa. Con la Difesa e con il Miur sono in corso numerosi contratti dal valore di svariati milioni di euro, testimonianza della bonta’ del lavoro portato avanti dalle maestranze del sito teatino".

LO SMANTELLAMENTO DELLA THALES. “A causa delle scelte operate dalla proprieta’ del Gruppo – evidenzia Di Primio nella lettera – e’ però in corso lo smantellamento della sede teatina dell’azienda, il cui management, conseguentemente il potere decisionale, e’ stato trasferito presso la struttura di Sesto Fiorentino. Anche il tavolo aperto presso il Mise a Roma non ha prodotto i risultati sperati. Le scelte che la proprieta’ della Thales continua a portare avanti non hanno tenuto conto delle istanze provenienti dai diversi attori della nostra comunita’ regionale”.

"Sono consapevole – si legge infine nella missiva – degli enormi temi di cui oggi lei deve occuparsi. Conscio di cio’ le chiedo, nei modi e nelle sedi che riterra’ opportuni, di intraprendere tutte le iniziative necessarie perche’ la Thales Italia continui a produrre a Chieti, preservando i livelli occupazionali che sino a oggi ha garantito".

Il corriere teatino

mercoledì 30 marzo 2016, 08:54

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
thales
lavoro
chieti
politica
umbertodiprimio
matteorenzi
Cerca nel sito

Identity

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?

Società

di Silvia Cipolloni

Wistleblowing!

Sport

di Benny Manocchia

Ciao Italia!