Rifiuti. Il monopolista Deco

L'attuale scenario abruzzese è privo di concorrenza. Sulla "monnezza" è la Tmb di Chieti che fa il prezzo

Rifiuti. Il monopolista Deco

RIFIUTI, IL MONOPOLISTA DECO - Le disposizioni normative vigenti vietano lo scarico dei rifiuti tal quali in discarica, obbligando ad un trattamento che può essere di smaltimento o di recupero. Il trattamento di smaltimento può garantire solo un più agevole conferimento in discarica, con una riduzione delle componenti di impatto, mentre il trattamento di recupero garantisce una sostanziale riduzione dei quantitativi da inviare in discarica o da smaltire e, quindi, alla valorizzazione stessa dei materiali costituenti il rifiuto. Trattandosi di un’attività differenziata e complessa, il trattamento ai fini del recupero dei rifiuti è ovviamente più oneroso ma di certo più vantaggioso dal punto di vista ambientale. Per legge, infatti, i rifiuti da avviare alla discarica devono essere il più possibile ridotti sia in massa che in volume, potenziando la prevenzione e le attività di riutilizzo, riciclo e recupero.

GLI IMPIANTI SUL TERRITORIO - Allo stato attuale, gli impianti operanti sul territorio regionale e dedicati al trattamento dei rifiuti urbani indifferenziati, sono:

  • Impianto TMB di Cupello (CH)
  • Impianto mobile di trito vagliatura di Lanciano (CH)
  • Impianto TMB di Chieti (CH) – impianto privato della DECO SpA
  • Impianto TMB di Sulmona (AQ)
  • Impianto TMB di Aielli (AQ)
  • Impianto mobile di trito vagliatura di Sante Marie (AQ)

LA TMB DI CHIETI - Fatta eccezione per l’impianto privato TMB di Chieti, tutti gli altri sono impianti di trattamento finalizzato allo smaltimento. All’impianto TMB di Cupello (CH) sono conferiti i RU provenienti dal comprensorio di appartenenza (bassa Provincia di Chieti), analogamente per quanto attiene all’impianto mobile di trito vagliatura di Lanciano (media Provincia di Chieti). All’impianto privato di recupero di Chieti sono conferiti i RU provenienti dal rimanente comprensorio del chietino (alta Provincia di Chieti), da tutta la Provincia di Pescara (fatta eccezione per alcuni Comuni dell’alta val Pescara che conferiscono all’impianto di Sulmona (AQ)) e da tutta la Provincia di Teramo. La produzione di RU della Provincia dell’Aquila è distribuita sui tre impianti aquilani di Sulmona, Aielli e Sante Marie. Pur essendo l’impianto privato sito nel Comune di Chieti, l’unico, nella Regione Abruzzo, in grado di avviare al trattamento di recupero ben 270.000 t/anno di rifiuti urbani indifferenziati (oltre la metà dei RU indifferenziati prodotti sul territorio regionale), riducendo le attività di smaltimento alla sola fase residuale della gestione dei rifiuti così come prevedono le disposizioni normative nazionali e locali, recentemente, l’Assessore Regionale Di Dalmazio si è fatto promotore di un quadro di programmazione regionale (2012-2015) che ipotizza un sistema impiantistico solo pubblico, al fine di giustificare l’erogazione di finanziamenti pubblici ai Consorzi Pubblici locali, recentemente trasformatisi in SpA, senza tuttavia procedere con la necessaria ricognizione degli impianti esistenti sul territorio, siano essi pubblici siano essi privati, onde evitare inutili doppioni o inefficace utilizzo di pubbliche risorse.

LE TARIFFE - Ad oggi, nella nostra Regione, gli impianti che si occupano di trattamento applicano tariffe che si aggirano tra i 140,00 ed i 167,00€/t  per il solo trattamento di smaltimento. Con una tariffa variabile tra 140,00 e 150,00 €/t, l’impianto TMB Casoni della Deco S.p.A  offre un trattamento ai fini di recupero sostenendo, oltre ai costi di investimento e gestione dell’impianto (circa 40 dipendenti impiegati nel solo impianto TMB), i costi di smaltimento degli scarti in discarica e quelli relativi al recupero energetico del combustibile prodotto, da avviare verso impianti nazionali ed esteri. Si evidenzia facilmente, dunque, che il privato applica tariffe in alcuni casi più convenienti e basse considerando l’attività di recupero funzionale che avviene solo ed esclusivamente nell’impianto Tmb di Chieti, garantendo quindi la miglior tariffa per il miglior servizio disponibile.

mercoledì 13 giugno 2012, 13:02

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
impianti
trattamento
rifuti
solidi
urbani
recupero
tariffe
tmb
chieti
deco
smaltimento
discarica
quadro
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?

Società

di Silvia Cipolloni

Wistleblowing!

Sport

di Benny Manocchia

Ciao Italia!