Pescara: sindacati mobilitati contro la soppressione del Tar

Questa mattina i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil hanno annunciato che chiederanno un incontro a Legnini e D'Alfonso

Pescara: sindacati mobilitati contro la soppressione del Tar

E' PARTITA LA MOBILITAZIONE. Sindacati mobilitati per scongiurare la soppressione della Sezione staccata del Tar di Pescara. Questa mattina, nel corso dell'assemblea permanente di dipendenti, magistrati e avvocati, i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil, dopo aver ricordato che la sede pescarese e' risultata la piu' produttiva d'Italia con una percentuale del 64%, hanno annunciato che chiederanno un incontro al sottosegretario Giovanni Legnini, al presidente della Regione Abruzzo Luciano D'Alfonso, ai parlamentari, al sindaco di Pescara Marco Alessandrini e ai sindaci dei territori interessati alla vicenda.

LA POSIZIONE DEI SINDACALISTI. "Il Tar di Pescara - ha detto Sandra Alberico della Cgil - e' un Tribunale efficiente che risponde in tempi rapidi alle esigenze dei cittadini. Il decreto non comportera' benefici dal punto di vista economico, ma andra' ad appesantire il lavoro del Tar aquilano con un aumento dei tempi di risoluzione delle controversie". Giampiero Fattore (Uil Funzione pubblica) ha sostenuto che chiudendo tre Sezioni staccate, cioe' Pescara, Latina e Parma, non ci saranno benefici di natura economica o di razionalizzazione del servizio. Davide Farina, della Cisl Funzione pubblica, ha evidenziato che la soppressione delle Sezioni staccate dei Tar "si pone in antitesi rispetto agli obiettivi del Governo di trasparenza e semplificazione".

Gli Indipendenti

martedì 22 luglio 2014, 17:54

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
tribunale
amministrativo
regionale
cronaca
pescara
Cerca nel sito