Perchè quegli animali?

Protesta contro il circo acquatico davanti al teatro d'Annunzio. Ma il dispositivo regionale non li vieta?

Perchè quegli animali?

PESCARA, PRESIDIO DAVANTI A CIRCO ACQUATICO. Tra le 16 e le 17.30 e tra le 20 e le 21.30, oggi pomeriggio, gli attivisti di EvoVeg presidieranno l’area antistante il teatro D’Annunzio di Pescara, dove è stato allestito un circo acquatico, per protestare contro il maltrattamento degli animali dei circhi e per sensibilizzare i cittadini sulla tematica dello sfruttamento e della sofferenza degli animali. 

COSA DICE LA LEGGE. Il 12 dicembre scorso il Consiglio regionale ha approvato una risoluzione bipartisan (Caporale-Chiavaroli) contro l'utilizzo di animali esotici da parte dei circhi nella Regione dei Parchi. In particolare impegna "la Giunta Regionale a porre in essere azioni volte a contrastare l’utilizzo delle specie animali richiamate dalla Commissione CITES (Commissione Scientifica per l’applicazione della Convenzione sul commercio internazionale delle specie animali e vegetali in via di estinzione) nell’attività circense, attraverso l’emanazione di una Deliberazione che recepisca le linee guida della Commissione CITES e attraverso il coinvolgimento dei Comuni Abruzzesi nell’emanazione di appositi regolamenti per vietare l’attendamento di circhi e mostre viaggianti con esemplari delle seguenti specie: primati, delfini, lupi, orsi, grandi felini, foche, elefanti, rinoceronti, ippopotami, giraffe, rapaci”.

Twitter@subdirettore

sabato 05 gennaio 2013, 10:59

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
legge
circhi
sfruttamento
animali
abruzzo
contrasto
Cerca nel sito