Ministero beni culturali, Lolli: "In Abruzzo direzione straordinaria"

La nostra regione non verrà inserita nella riforma che prevede accorpamenti con altri territori. Lo ha dichiarato il vicegovernatore

Ministero beni culturali, Lolli: "In Abruzzo direzione straordinaria"

UNA DIREZIONE STRAORDINARIA. L'Abruzzo avrà "una direzione straordinaria" del ministero dei beni culturali e non verra' inserito nella riforma che prevede accorpamenti con altre regioni. Lo ha reso noto il vice presidente della giunta regionale Giovanni Lolli nella conferenza stampa di annuncio dell'inserimento nella legge di stabilita' che andra' in discussione alla Camera di 5,1 miliardi di euro fino al 2020 per la ricostruzione a cui si deve aggiungere un altro miliardo e 200 milioni di residui.

FRANCESCHINI A SANTO STEFANO. Sempre Lolli ha detto che il 6 novembre il ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini sara' a Santo Stefano di Sessanio, per partecipare ad un evento sul turismo. Il Mibact sta gestendo la ricostruzione di beni culturali ed ecclesiastici dall'aprile scorso e, fino a qualche settimana fa, ha vissuto un blocco di attivita' per l'assenza di un direttore regionale con pieni poteri. Fino alla fine di novembre e' stato nominato direttore ad interim Francesco Scoppola, a scavalco con l'Umbria. L'empasse amministrativa e nei pagamenti ha portato molte imprese a protestare.

SCOPPOLA NON VUOLE RIMANERE. "Il direttore Scoppola non vuole rimanere - ha spiegato Lolli - Franceschini mi ha assicurato che nominera' una figura importante e di prestigio solo per l'Abruzzo". E, come disse Schettino, "vabbuò".

Gli Indipendenti

martedì 04 novembre 2014, 12:05

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
franceschini
politica
regione
abruzzo
lolli
beni
culturali
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano