Massacro in villa a Lanciano: ancora un arresto e una denuncia per favoreggiamento

Polizia e Carabinieri hanno individuato l'ultimo fuggiasco, un 26enne romeno, con un blitz condotto da 60 uomini

Massacro in villa a Lanciano: ancora un arresto e una denuncia per favoreggiamento

MASSACRO IN VILLA A LANCIANO: ANCORA UN ARRESTO E UNA DENUNCIA PER FAVOREGGIAMENTO. Finisce in manette anche l'ultimo componente della "Banda delle Belve" che, due domeniche, fa ha massacrato in modo ultraviolento a scopo di rapina la famiglia Martelli. Si tratta di un romeno di 26 anni che si nascondeva nelle campagne pattugliate ieri pomeriggio nel corso dell'operazione congiunta di Polizia e Carabinieri nella frazioni di Rizzacorno, Colle Campitelli e contrada Fontanelle, con l'impiego di 60 uomini, unità cinofile molecolari ed elicotteri.

Una volta bloccato, il 26enne è stato condotto nella caserma dei Carabinieri della compagnia di Lanciano e sottoposto a fermo di indiziato di delitto, poi trasferito in carcere. Nel pomeriggio era stato arrestato con l'accusa di favoreggiamento, nell'ambito della stessa operazione, un romeno di 48 anni: secondo l'accusa avrebbe agevolato la fuga del ventiseienne.

Redazione Independent

domenica 30 settembre 2018, 18:31

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
lanciano
rizzacorno
colle campitelli
contrada fontanelle
villa
coniugi martelli
banda
arresti
Cerca nel sito