La madre dei cretinity è sempre fertility

Ettore Ferrini interviene sull'ultima campagna del Ministero della Salute che ha scatenato le ire e l'indignazione di moltissime italiane

La madre dei cretinity è sempre fertility

Ho sempre sostenuto che il maschilismo è un fenomeno trasversale, talvolta incorrendo nelle ire di donne che vorrebbero il maschio geneticamente carnefice. Son quelle che usano termini come femminismo o femminicidio senza rendersi conto che in quelle parole c'è già di fatto la loro condanna, derivando "femmina" da "feconda" (fecundus), sottolineando di fatto proprio quel concetto che intenderebbero combattere, e cioè che la donna sia prima di tutto un utero. A conferma del maschilismo trasversale ecco giungere ora la Lorenzin (una "femmina") che vuol portare la fecondità delle donne addirittura nelle piazze, rendendola cosa pubblica quando invece il corpo delle donne -e il modo in cui decidono di disporne- è materia assolutamente intima e privata. 
La Lorenzin si preoccupa di una "società che ha scortato le donne fuori di casa" poiché -è noto- il loro posto è l'acquaio, "sospingendole verso ruoli maschili", e mi chiedo se sul serio non stia leggendo un documento redatto negli anni '20. Davvero il lavoro è affare degli uomini? Allora la mia parte femminile dev'essere parecchio sviluppata. Ma c'è di peggio, proseguo la lettura e scopro che "la crescita del livello di istruzione per le donne ha avuto come effetto il ritardo nella formazione di nuovi nuclei familiari”, come a dire che studiare, formarsi e partecipare all'evoluzione della società dovrebbe essere subordinato al mettere a disposizione le proprie tette prima di un maschio adulto e poi di uno in miniatura. Tutto questo avviene in un paese in cui già la 194 è osteggiata da discutibili "obiezioni di coscienza" (assurdità che estesa porterebbe a chirurghi testimoni di Geova che obiettano alle trasfusioni, o militari che in coscienza non se la sentono di sparare). Per non parlare poi del fatto che questo è lo stesso governo che pochi mesi fa ha negato -per legge- a chissà quanti bambini di avere una famiglia solo perché non corrispondeva a quella descritta nella Genesi. E forse come Eva, anche la Lorenzin si è procurata una foglia di fico, solo che invece di indossarla se l'è fumata.

 

Ettore Ferrini per il #fottitiday 

#Vistracaonpetto e #Satiraptus

 

giovedì 01 settembre 2016, 16:21

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
fertily day
ettore ferrini
beatrice lorenzin
gravidanza
maternita
22 settembre
Cerca nel sito