Inchiesta "Vate". De Fanis non risponde a domande del Gip

L'ex assessore è accusato di concussione, truffa e peculato. Indagine partita dalla denuncia di un imprenditore

Inchiesta "Vate". De Fanis non risponde a domande del Gip

INCHIESTA "VATE". DE FANIS SI AVVALE DELLA FACOLTA' DI NON RISPONDERE. Non ha risposto alle domande del Gip del Tribunale di Pescara, Maria Carla Sacco, l'ex assessore alla Cultura della Regione Abruzzo, Luigi De Fanis, arrestato nell'ambito dell'inchiesta "Vate" su presunte tangenti nell'organizzazione degli eventi culturali ed in particolare sulla legge legge regionale n.43/73 che disciplina l’organizzazione, l’adesione, e la partecipazione a convegni, ed altre manifestazioni culturali.

Il politico teatino, assistito dai suoi legali Domenico Frattura e Massimo Cirulli, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Intercettato dai giornalisti ha detto di «avere fiducia nella magistratura e nei miei avvocati»

L'ex assessore è accusato dalla procura di Pescara (De Siervo e Bellelli) dei reati di concussione, truffa e peculato. L'indagine è partita dalla denuncia di un imprenditore dello spettacolo, Andrea Mascitti, recentemente ospite al programma del giornalista Michele Santoro Servizio "Pubblico", al quale sarebbe stata chiesta una tangente da 4mila euro.

Redazione Independent

lunedì 18 novembre 2013, 10:38

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
tangenti
de fanis
cultura
soldi
domiciliari
medico
assessore
abruzzo
Cerca nel sito