Ancora scandali su appalti ricostruzione, a L'Aquila anche l'uomo che arrestò Totò Riina

Sei misure cautelari e 13 avvisi di garanzia: coinvolti nell'inchiesta 'Redde rationem' imprenditori, ex politici e dipendenti pubblici infedeli

Ancora scandali su appalti ricostruzione, a L'Aquila anche l'uomo che arrestò Totò Riina

INCHIESTA 'REDDE RATIONEM': A L'AQUILA ANCHE IL CAPITANO ULTIMO. Sei le misure cautelari (cinque domiciliari e un obbligo di dimora e obbligo di firma) e 13 avvisi di garanzia nell'ambito dell'inchiesta 'Redde rationem' avviata dalla Procura distrettuale antimafia dell'Aquila sugli appalti della ricostruzione.

Tra gli investigatori anche il Capitano Ultimo Sergio De Caprio, l'uomo che il 15 gennaio 1993 arrestò il capo di Cosa Nostra Toto Riina.

Quest'ultima inchiesta sui lavori post-sisma è collegata a quella del gennaio 2014 'Do ut des' che portò ai domiciliari l'ex consigliere comunale e assessore di centrodestra Pierluigi Tancredi, indagine che ha coinvolto il comune dell'Aquila.

Secondo quanto si è appreso, sarebbero coinvolti imprenditori, ex politici e anche dipendenti pubblici in un collegamento tra politica e appalti per la ricostruzione.

Redazione Independent


lunedì 27 luglio 2015, 14:29

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
inchiesta
do ut des
l aquila
appalti
pierluigi tancredi
notizie
capitano ultimo
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?

Società

di Silvia Cipolloni

Wistleblowing!

Sport

di Benny Manocchia

Ciao Italia!