Il rischio ingovernabilità

Live dai seggi. Le proiezioni danno numeri da infarto: Berlusconi e Bersani divisi dall'1%. Grillo al 25%

Il rischio ingovernabilità

POLITICHE 2013. CAOS SONDAGGI E RISCHIO INGOVERNABILITA'. Gli istant poll e le proiezioni di voto delle principali società di rilevamento stanno gettando il paese nello sconforto. Il motivo, naturalmente, è il rischio di ingovernabilità del paese o, peggio, il probabile ritorno alle urne a causa dell'incredibile, complicatissimo, scenario polititico. Attualmente la coalizione di centrodestra (Pdl-Lega) guidata da Silvio Berlusconi è data al 31% mentre il centrosinistra con Bersani premier è al 29,5% (Senato). Lo scenario che si sta delineando è quanto di più caotico si poteva ipotizzare con una maggioranza divisa alla Camera ed al Senato. C'è anche il rischio di un ennesimo governo di unità nazionale ma, al momento, è impossibile fare previsioni sulla natura del prossimo esecutivo.

GLI ALTRI DELLA PARTITA. E' salito, rispetto alle prime rivelazioni, il Movimento 5 Stelle che è a quota 25%: il primo partito del paese. Male Ingroia, che non dovrebbe superare il quorum, e la Lista Monti bel al di sotto il 10%. In quest'ultimo caso non entrerebbero in Parlamento nè Pierferdinando CasiniGianfranco Fini, leader di Udc e Fli.

LE REAZIONI DEI MERCATI. I mercati, come al solito, si stanno adeguando alle previsioni elettorali. Piazza Affari è cresiuta del 4% e lo spread a 255 dai Bund tedeschi. Ma in chiusura il cross ha invertito la rotta: chiusura a 0,78% e spread a 280 punti.

twitter@subdirettore

lunedì 25 febbraio 2013, 16:29

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
italia
sondaggi
paese
mercati
borsa
spread
berlusconi
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano