I soldi del Ponte del Cielo al Teatro Michetti. E la Stella Maris?

Il capogruppo forzista Sospiri se la prende con D'Alfonso, colpevole di rifilare "l’ennesimo schiaffo al Presidente della Provincia Antonio Di Marco"

I soldi del Ponte del Cielo al Teatro Michetti. E la Stella Maris?

NON VA MAI BENE NIENTE. Come si suol dire, "chi le vo cott e chi le vo crud". Impossibile, d'altronde, accontentare tutti. L'oggetto del contendere sono i soldi del Ponte del Cielo, che - una volta tramontata la possibilità di realizzare questa opera dietro la Nave di Cascella - devono ora essere ridestinati ad altra struttura, pena la loro perdita. Lorenzo Sospiri, capogruppo regionale di Forza Italia, ha sempre proposto di riutilizzare questa ingente somma per la riqualificazione della Stella Maris, a Montesilvano, ma la giunta Alessandrini (spalleggiata dal governatore D'Alfonso) ha invece parlato sin da subito del Michetti. Cosa buona e giusta, a nostro parere, dal momento che sin dai tempi dell'amministrazione Mascia c'era l'allora consigliera di opposizione, Paola Marchegiani, che ricordava che con una spesa non esorbitante si sarebbe potuto risistemare definitivamente il Teatro di via D'Annunzio, in modo da riaprirlo finalmente al pubblico.

LORENZO SOSPIRI DICE NO. Adesso, a disposizione, c'è addirittura 1 milione di euro, ma Sospiri non è soddisfatto: “Il Governatore D’Alfonso - dice - rifila l’ennesimo schiaffo istituzionale al Presidente della Provincia di Pescara, Antonio Di Marco, e affonda definitivamente il progetto di riqualificazione della Stella Maris. Nell’assoluto silenzio amministrativo, D’Alfonso ha infatti deciso di destinare i fondi Fas, inizialmente destinati al pontile del cielo, per la ristrutturazione del Teatro Michetti di Pescara, per il quale aveva già assegnato lo scorso maggio un ulteriore finanziamento di 973.603 euro sempre di fondi regionali Par-Fsc, lasciando in cantina, per l’ennesima volta, il completamento della Stella Maris. Secondo Sospiri non basteranno in realtà pochi "spiccioli" per aggiustare il Michetti, e così "il risultato sarà che avremo due incompiute, visto che, nonostante i 2 milioni di euro, comunque il Michetti non sarà finito, e il tentativo di dare al sindaco più inviso della storia di Pescara, Alessandrini, qualcosa cui legare la propria azione di governo, sarà comunque fallito".

MA PERCHE' PROPRIO LA STELLA MARIS? Viene da chiedersi, a questo punto, ma perchè proprio la Stella Maris? Come mai Sospiri tifa così tanto per il suo restyling? Presto detto: si tratta di "un progetto già pronto, confezionato, che attende solo di essere finanziato". La Stella Maris, edificio storico, oggi "versa in condizioni pietose, cade a pezzi, vittima dell’incuria e dei vandali e clochard che lo stanno distruggendo, e per il quale il Governo Chiodi-Sospiri aveva lasciato nel cassetto 1 milione e mezzo di euro per la sua riqualificazione". Il Faraone, però, da questo orecchio sembra proprio non sentirci.

Nicola Chiavetta

martedì 08 dicembre 2015, 11:08

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
pontedelcielo
pescara
cultura
teatromichetti
sospiri
marchegiani
Cerca nel sito