Confartigianato denuncia: "Pescara città nemica dei disabili"

In Italia la città adriatica è 71esima per vivibilità. Chiesti dall'associazione scivoli, taxi e bus. Arriveranno?

Confartigianato denuncia: "Pescara città nemica dei disabili"

PESCARA NON E' UNA CITTA' PER DISABILI. Pescara figura al 71esimo posto nella classifica sull'accessibilità e vivibilità delle città italiane per persone disabili.

E' quanto emerge da un'indagine curata dall'Anmil e rilanciata da Confartigianato Pescara, che chiede "poche cose, ma essenziali: un protocollo di intesa tra Comune e associazioni di categoria per favorire l'installazione di rampe, scivoli e campanelli per i negozi, snellendo aspetti burocratici e relativi costi; creazione di percorsi turistici a 'barriera zero', incremento dei parcheggi per disabili in centro e vicino ai negozi; un numero verde per richiedere un taxi abilitato al trasporto carrozzine; una programmazione delle corse degli autobus con mezzi adeguati".

"E' nostro dovere morale prima che economico - dice il presidente di Confartigianato Pescara Giancarlo Di Blasio - Facciamo nostro lo slogan di Milano adattandolo: 'Pescara per tutti' e chiediamo un nuovo regolamento Cosap ed edilizio che faccia della legge 13 'abbattimento delle barriere architettoniche' il suo cavallo di battaglia".

Gli Indipendenti

mercoledì 28 settembre 2016, 15:14

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
pescara
confartigianato
disabili
attualita
accessibilita
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?

Società

di Silvia Cipolloni

Wistleblowing!

Sport

di Benny Manocchia

Ciao Italia!