Chieti si arrende a Scafati ai tempi supplementari. Obiettivo play off possibile

Non sono bastati alla Proger il solito grande cuore ed una prestazione superlativa per portare a casa i due punti: finisce 96 a 89. Domenica prossima le "Furie" si giocano tutto ad Imola

Chieti si arrende a Scafati ai tempi supplementari. Obiettivo play off possibile

CHITI SI ARRENDE A SCAFATI AI TEMOI SUPPLEMENTARI. Non sono bastati alla Proger il solito grande cuore ed una prestazione superlativa per portare a casa i due punti; la Givova Scafati, con soli 7 giocatori impiegati, tra cui il figlio d’arte Federico Lestini, pescarese doc, fa sua la gara nel secondo tempo supplementare a causa di una pesantissima situazione falli teatina e qualche sospetto su un arbitraggio non proprio professionale, vista la differenza di tiri liberi a favore dei padroni di casa (46 a 17) e tenendo conto della plateale decisione presa su Monaldi sull’86 a 84, nell’ultimo over time, dopo che quest’ultimo aveva rubato palla a centrocampo e s’era involato in contropiede subendo un vistosissimo fallo, però fischiato contro di lui... In più, se le statistiche non imbrogliano, sotto i tabelloni Chieti ha dominato nettamente, con 45 rimbalzi su 39, di cui 13 offensivi. Una gara sentita da entrambe le parti, preparata con gran cura dai due coach, visto il reciproco rispetto della vigilia. Dal versante campano coach Alex Finelli, premiato come miglior coach del mese LNP, insieme con la sua ala pivot Jeremy Simmons (che a fine gara chiuderà lo score con 28 punti), aveva avvertito che contro Chieti sarebbero servite grande lucidità in attacco per superare la loro zone-press e massima concentrazione e intensità difensiva per limitare Sollazzo, Monaldi e la pericolosità dentro il pitturato di Ancellotti, quest’ultimo considerato da Finelli già pronto per palcoscenici più importanti. In casa Proger coach Galli era certo di andare a giocare contro la squadra più in forma del campionato e probabilmente col miglior roster; venendo da due vittorie consecutive e con un nuovo obiettivo, quello di provare a vincere 5 delle restanti 6 partite per avere la certezza di accedere ai playoff, ha preparato in settimana meticolosamente la squadra con uno scrimmage a porte chiuse contro i cugini di Roseto, al fine di riattivare fisico e schemi dopo la pausa per la Coppa Italia, conoscendo il grande talento di Scafati ed impostando la gara con una difesa molto accorta e con un attacco atto a controllare il ritmo della partita. E le premesse in casa teatina erano rosee, viste le buone notizie infrasettimanali riguardanti da un lato il rientro di capitan Cardillo, dopo quasi tre mesi di stop, dall’altro la doppia convocazione al raduno della Nazionale Sperimentale di Monaldi e Paesano, agli ordini di coach Luca Dalmonte, vice di Andrea Pianigiani. Notizia quest’ultima che rappresenta l’ennesimo attestato dell’ottimo lavoro svolto quest’anno dalla Proger Chieti, che è l’unica squadra che ha due rappresentanti convocati in questa selezione. A 20 secondi dal termine, la gara era ancora molto incerta, le due squadre erano distanziate da soli 2 punti, dopo che i teatini avevano condotto il primo quarto anche con un vantaggio di 9 punti e, soprattutto, dopo che Scafati nella terza frazione aveva ricevuto contro ben 3 falli tecnici, uno per simulazione e due per proteste, segno di un evidente nervosismo che iniziava a penetrare nelle teste dei padroni di casa. In casa Proger si segnalano 19 punti per Sollazzo, Ancellotti ed Hamilton; sul versante campano, oltre al già citato Simmons, Evans con 32 e Ruggiero con 22. Domenica prossima la Proger si gioca il tutto per tutto ad Imola, reduce oggi da una netta sconfitta interna contro Recanati.


Givova Scafati – Proger Chieti 96-89 d2ts (18-21, 21-21, 25-19, 9-12, 9-9, 14-7)
Givova Scafati: Zaccariello 0 (0/1 da tre), Lestini 3 (1/3 da tre), Ghiacci 4 (1/1, 0/2), Ruggiero 22 (2/7, 3/4), Simmons 28 (10/15, 2/3), Evans 32 (4/11, 3/7), Sanguinetti 7 (0/1, 0/3), Matrone ne, Bisconti ne, Spinelli ne. All: Finelli.
Tiri Liberi: 35/46 – Rimbalzi: 39 36+3 (Ruggiero 10) – Assist: 15 (Ruggiero 7)
Proger Chieti: Hamilton 19 (3/7, 3/8), Cinalli ne, Cardillo 3 (1/1 da tre), Palermo 5 (1/1, 1/4), Paesano 2 (1/2, 0/1), Ancellotti 19 (8/10, 1/2), Sergio 11 (2/6, 2/5), Monaldi 11 (2/5, 2/10), Sollazzo 19 (6/15, 0/3), Di Giacomo ne. All: Galli.
Tiri Liberi: Scafati 35/46, Chieti 13/17. Rimbalzi: Scafati: 39 (3 off.) Chieti 45 (13 off.) – Assist: Scafati 15 (Ruggiero 7), Chieti 9 (Hamilton 3). Cinque Falli: Hamilton, Ancellotti e Sergio. Falli tecnici: Evans, Finelli e Zaccariello nel 3° quarto.

Classifica: De’ Longhi Treviso 36, Acmar Ravenna, Mobyt Ferrara 32, Viola Reggio Calabria, Remer Treviglio, Basket Recanati 30, Orsi Tortona 28, Proger Chieti, Paffoni Omegna 26, Givova Scafati 24, Mec-Energy Roseto, Andrea Costa Imola 22, Europromotion Legnano 20, Benacquista Latina 18, Bawer Matera 14, Bakery Piacenza 10.

Stefano Tortoreto

lunedì 16 marzo 2015, 09:58

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
basket
chieti
proger
scafati
imola
gara
play off
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano