Acqua. Codici caccia le carte

Sulle inchieste giudiziarie all'Aca Spa: «E' arrivato il momento di produrre documenti riservati»

Acqua. Codici caccia le carte

ACQUA. CODICI SULL'INCHIESTA ACA. «E’ arrivato il momento di produrre documenti riservati di alcune importanti inchieste e soprattutto dell’inchiesta per cui in questi giorni vi è stata la richiesta di rinvio a giudizio per i vertici della società pubblica al fine di spiegare i numerosi disagi che hanno vissuto e vivono  i cittadini a causa delle numerose inefficienze nella gestione della risorsa idrica», così l'associazione dei consumatori Codici d'Abruzzo entrando a "gamba tesa" sulle inchieste giudiziarie che hanno coinvolto i vertici di Aca Spa.

UN PROCESSO POPOLARE. Sabato, presso la sala giunta della Provincia di Pescara, alle ore 11, ci sarà l'avvocato dell'associazione, Gaetano Di Tommaso, Domenico Pettinari e Giovanni D'Andrea per una conferenza stampa dal titolo: "Il ripristino della legalità in questa società pubblica ormai al collasso". «Parleremo di fatti commentando documenti ufficiali oggetto di indagine giudiziaria. Daremo contezza dei reati commessi dai vertici della società e chiederemo quello che ogni cittadino in questo momento esige: il ripristino della legalità in questa società pubblica ormai al collasso. Consegneremo - hanno concluso - documenti giudiziari che meglio potranno spegare ai cittadini cosa si è consumato e si sta cnsumando nell’ACA Spa a seguito di autorevolissime inchieste di polizia». 

Reda Inde

 

venerdì 07 settembre 2012, 13:13

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
codici
d'abruzzo
acqua
aca
inchiesta
giudiziaria
vertici
pescara
cronaca
notizie
documenti
polizia
legalit
gaetano di tommaso
legale
domenico pettinari
giovanni d'andrea
Cerca nel sito