Aca: tutto da rifare, rinviata l’assemblea per eleggere il cda

L'amministratore unico uscente dell'Azienda acquedottistica, Vincenzo Di Baldassarre, si defila: "Non c'è la mia disponibilità a continuare"

Aca: tutto da rifare, rinviata l’assemblea per eleggere il cda

DI BALDASSARRE SI DEFILA. "Non c'e' la mia disponibilita' a continuare": l'amministratore unico dell'Aca SpA Vincenzo Di Baldassarre ha risposto cosi' alla richiesta avanzata da 21 sindaci di confermarlo alla guida della societa'. La decisione e' stata commentata dal sindaco di Chieti Umberto Di Primio, nel corso dell'assemblea, come "una lezione di moralità": "Evidentemente ci sono uomini che non sono disposti a tutto per un incarico", ha concluso Di Primio.

E C'E' CHI VUOLE IL RINNOVO IMMEDIATO. In apertura dei lavori sia alcuni sindaci sia il commissario giudiziale Guglielmo Lancasteri hanno sottolineato la necessita' di procedere al rinnovo immediato della governance, visto che l'Aca si trova in procedura concordataria e che un rinvio avrebbe comportato una vera e propria paralisi e messo a rischio il pagamento dei debiti accumulati durante le precedenti gestioni e anche l'abbattimento di 35 milioni della mole debitoria consentito dalla procedura concordataria. Il rinvio, ha ricordato il sindaco di Pianella Franco Marinelli, "lascerebbe la societa' senza governance e questo determinerebbe responsabilita' penali a carico dei sindaci".

TONI MOLTO POLEMICI. L'assemblea ha assunto toni anche molto polemici con alcuni intervenuti che hanno denunciato pesanti interferenze. Alla fine e' tornato alla carica il sindaco di Francavilla Antonio Luciani che ha formalizzato la proposta di rinvio dell'assemblea per valutare il ritorno a un cda "agli stessi costi". La richiesta e' stata condivisa e sostenuta in un intervento anche dal primo cittadino di Pescara Marco Alessandrini. Alla fine, dopo aver fatto verbalizzare la lettura del comma 3 articolo 5 della legge 293/1994 sulle responsabilita' che si determinano in caso di vacanza gestionale, l'amministratore ha messo ai voti la proposta di rinvio presentata dal Comune di Francavilla e da altri 27 sindaci, che e' stata accolta con 32 si' (equivalenti a 38 quote). I voti contrari sono stati 22 (equivalenti a 24 quote) e due gli astenuti.

Redazione IN

sabato 10 settembre 2016, 20:29

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
pescara
acqua
politica
polemiche
idrica
dibaldassarre
assemblea
Cerca nel sito