Tombini finti in via De Gasperi. «Intervenga Corte dei Conti»

Divampano le polemiche su Pescara alluvionata. Radicali al sindaco: «Quei lavori sono costati 400 mila euro»

Tombini finti in via De Gasperi. «Intervenga Corte dei Conti»

POLEMICA SU PESCARA ALLAGATA. CHI HA MESSO I TOMBINI FINTI IN VIA DEGASPERI?. «Solo oggi, stando a quanto riferito dalla società Attiva e grazie (si fa per dire) all'alluvione, i pescaresi scoprono che i lavori di riqualificazione di via De Gasperi effettuati nel 2008, costati quasi 400 mila euro, sarebbero stati l'ennesima occasione di presa in giro dei cittadini e di sperpero di denaro pubblico. Secondo Attiva, infatti, i tombini realizzati in quell'occasione sarebbero “finti”, poiché finiscono contro un muretto di cemento, provocando il ristagno dell'acqua che in questi giorni sta interessando quella via». Questo il commento sarcastico del segretario regionale del Radicali, Alessio Di Carlo che chiedono alla giunta Mascia quando «sia venuta a conoscenza dello stato della rete in quel punto ed i nomi dei componenti dell'Amministrazione D'Alfonso responsabili di una situazione tanto paradossale». I Radicali Abruzzo auspicano l'intervento immediato della Corte dei Conti per accertare le responsabilità contabili. 

Redazione Independent

giovedì 05 dicembre 2013, 08:53

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
tombini
finti
portanuova
acqua
alluvione
mascia
Cerca nel sito