Stazioni chiuse? Recuperiamole

Le Ferrovie abbandonano Popoli, Torre dè Passeri, Castiglione e Tocco. Ora saranno usate per attività no profit

Stazioni chiuse? Recuperiamole

ACCORDO CON LE FERROVIE. E’ stato firmato oggi l’accordo tra la Provincia di Pescara e Rete Ferroviaria Italiana (società del Gruppo Ferrovie dello Stato)  finalizzato a  recuperare tre stazioni inutilizzate che si trovano sul territorio provinciale e cioè a Popoli, Torre de’ Passeri e Castiglione a Casauria – Tocco da Casauria. L’obiettivo di questa intesa è di non lasciare le strutture in stato di abbandono e di valorizzarle con nuove destinazioni d’uso no profit, ospitando attività socioculturali, di pubblico servizio, parcheggi, circoli e associazioni. A firmare l’intesa sono stati l’assessore provinciale all’Ambiente, Protezione Civile e Sanità Mario Lattanzio e, per  RFI, il direttore compartimentale infrastrutture Luciano Frittelli.

COME VERRANNO USATE. A Popoli la Crossa Rossa italiana usufruirà dei locali per attività di assistenza sanitaria e di Protezione civile, con il piazzale che sarà destinato alle esigenze della colonna mobile. A Torre de’ Passeri e Castiglione, invece, saranno i rispettivi Comuni ad occuparsi degli edifici per lo svolgimento di attività sociali. Sul tutto il territorio abruzzese ci sono oltre venti stazioni chiuse che potrebbero essere recuperate. 

martedì 18 settembre 2012, 14:22

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
popoli
castiglione
tocco
torre
stazione
notizie
recuperate
ferrovie
uso
croce rossa
attivit sociali
Cerca nel sito