San Valentino, l'origine della Festa degli Innamorati

La tradizione di questo momento si tramanda da secoli anche si 'i maligni' dicono che si tratti di un'invenzione commerciale

San Valentino, l'origine della Festa degli Innamorati

SAN VALENTINO, L’ORIGINE DELLA FESTA DEGLI INNAMORATI. Sono ormai anni che si dice che San Valentino non sia altro che un'invenzione contemporanea delle grandi imprese per incoraggiare il consumo e gli acquisti in un’epoca dell’anno commercialemente “depressa”. Eppure, se la tradizione di celebrare il giorno degli innamorati si tramanda da secoli in moltissimi paesi del mondo, una ragione ci sarà. E siamo davvero sicuri di conoscere da a abbiamo davvero sapere da dove proviene questa tradizione che, così come tante altre, abbiamo importato dalla cultura anglosassone?

L’ORIGINE DI UNA TRADIZIONE SECOLARE. Sebbene in Italia il giorno di San Valentino si celebri la festa degli innamorati, così come la conosciamo attualmente, agli inizi del ‘900, le origini di questa tradizione rimontano all’epoca dell’Impero Romano. Racconta la leggenda– una delle tante che circondano questa ricorrenza, ma probabilmente la più verosimile – che questa festività religiosa, che prende il nome dal santo e martire cristiano Valentino da Terni, venne istituita nel 496 da papa Gelasio I, in sostituzione della precedente festa pagana delle “lupercalia”, una sorta di baccanale dedicato al dio della fertilità Luperco che si celebrava a metà febbraio e che prevedeva festeggiamenti sfrenati a base di vino e promiscuità, nettamente in contrasto con la morale e l'idea di amore dei cristiani. Valentino, vescovo di Terni fin da quando aveva 21 anni, fu invitato a Roma, nell’anno 270, dall'oratore Cratone per predicare il Vangelo e convertire i pagani. Ma il Cristianesimo non era ben visto a quell’epoca e l’opera di evangelizzazione di Valentino gli attirò le ire dell’imperatore Aureliano, che decise di catturarlo e decapitarlo. Secondo altre fonti, Valentino sarebbe stato giustiziato perché reo di aver celebrato il matrimonio tra Serapia, una giovane cristiana, e il legionario romano Sabino, pagano. La giovane era malata e i due sposi morirono, insieme, poco dopo aver ricevuto la benedizione di Valentino. Il martirio del santo avrebbe definitivamente reso la storia indelebile.

LO SCAMBIO DI REGALI. L’elemento più emblematico della festa di San Valentino, soprattutto nei paesi di cultura anglosassone, è lo scambio di “valentine”, bigliettini d'amore spesso a forma di cuore, di Cupido o di colomba. Si stima che ogni anno il 14 febbraio vengano spediti circa un miliardo di biglietti d'auguri e che l’85% dtutti i bigliettini venduti per San Valentino siano comprati da donne. Ma ci sono altri tradizione curiosi in questa data: in Giappone, per esempio, le donne regalano dei cioccolatini agli uomini della propria famiglia e agli amici e colleghi di lavoro, riservando un cioccolato speciale per il proprio partner.

I REGALI PIÙ ORIGINALI. Mentre per i regali di compleanno o di Natale si va maggiormente alla ricerca di funzionalità e praticità, per San Valentino ci si orienta verso doni che siano allo stesso tempo originali, romantici e sorprendenti. Un puzzle di una fotografia del partner o della coppia, una bottiglia di champagne con foglia d'oro, una scatola di cioccolatini afrodisiaci, un mazzo di rose rosse, un fine settimana romantico, un circuito di Spa, una cena romantica in un ristorante esclusivo... Soprattutto bisogna tenere a mente che non è necessario fare un mutuo: qualsiasi regalo, se fatto col cuore, è quello giusto!

Redazione Independent

venerdì 20 gennaio 2017, 19:02

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
san valentino
festa innamorati
mazzo di rose
biglietti san valentino
fiori
flora queen
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano