Pescara sta morendo e spuntano le croci di Casapound

Croci mortuarie a simboleggiare la morte economica della città: protesta shock della destra estrema contro la pressione fiscale

Pescara sta morendo e spuntano le croci di Casapound

Diverse croci mortuarie sono state poste nella notte davanti al Palazzo Comunale dal movimento CasaPound Italia per protestare contro l’elevata pressione tributaria “Non riteniamo di esagerare dicendo che Pescara sta letteralmente morendo di tasse” Così Mirko Iacomelli, responsabile pescarese CPI, in una nota sull’azione.

“Dopo l’imposizione della TASI con aliquota al 3 per mille, una delle più alte applicate in Abruzzo - prosegue la nota - è di questi giorni l’arrivo delle bollette per la TARI, la tassa sui rifiuti, con cifre che comportano l’ulteriore esborso di centinaia di euro per famiglie ed attività economiche. Come conseguenza, la nostra città, oltre che con la crisi economica nazionale, si trova a fare i conti con un fisco comunale predatorio. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: Pescara, da motore economico dell’Abruzzo, sta diventando una città economicamente morta, con la chiusura delle attività commerciali e l’aumento costante della disoccupazione”.

“Non è pensabile –conclude Iacomelli – che le autorità comunali pensino di poter far fronte ai mancati trasferimenti di fondi da parte del governo, con l’aumento delle tasse a livelli insostenibili. E se la soluzione deve passare inevitabilmente per un cambio di linea da parte del governo centrale, è pur vero che nell’immediato è il Comune a dover rivedere le proprie politiche, pena il disfacimento del tessuto economico e sociale della città”.

Redazione Independent

martedì 18 novembre 2014, 10:42

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
casapound
tasse
protesta
comune
pescara
pressione
fiscale
Cerca nel sito