Omicidio pittrice Renata Rapposelli, restano a Teramo e Lanciano (carcere) ex marito e figlio

Il Tribunale del Riesame di L'Aquila ha rigettato la richiesta di scarcerazione presentata dagli avvocati di Simone e Giuseppe Santoleri.

Omicidio pittrice Renata Rapposelli, restano a Teramo e Lanciano (carcere) ex marito e figlio

PITTRICE SCOMPARSA E UCCISA, RESTANO IN CARCERE EX MARITO E FIGLIO. Il Tribunale del Riesame di L'Aquila ha rigettato la richiesta di scarcerazione presentata dagli avvocati di Simone e Giuseppe Santoleri, rispettivamente figlio ed ex marito della pittrice teatina Renata RapposelliLa donna venne ritrovata senza vita il 12 novembre sul greto del fiume Chienti, a Tolentino, nel Maceratese. I due accusati sono detenuti dal 6 marzo scorso. Il padre Giuseppe è nel carcere Castrogno di Teramo, il figlio Simone è stato trasferito da Teramo al carcere di Lanciano il 13 aprile.

 

SONO ACCUSATI DI OMICIDIO VOLONTARIO. Per entrambi l'accusa della Procura della Repubblica di Teramo è di omicidio volontario aggravato e sottrazione di cadavere. Erano stati arrestati su ordinanza di custodia cautelare del gip di Ancona che poi si era dichiarato incompetente rinviando gli atti a Teramo. Da qui la richiesta di arresto bis e la nuova misura che li aveva raggiunti in carcere, firmata dal gip Roberto Veneziano ed eseguita il 24 marzo.

Redazione Independent

sabato 21 aprile 2018, 15:09

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
pittrice
santoleri
renata rapposelli
omicidio
ultime notizie
teramo
Cerca nel sito