La Proger batte vince 79-69 contro Treviglio ed anche un arbitraggio scandaloso

Obiettivo ottavo posto raggiunto per Chieti. I ragazzi di Galli sono pronti ad acciuffare i cugini di Roseto

La Proger batte vince 79-69 contro Treviglio ed anche un arbitraggio scandaloso

LA PROGER BATTE ANCHE UN ARBITRAGGIO SCANDALOSO, VINCE 79-69 CONTRO TREVIGLIO E CENTRA L’OTTAVO POSTO. Probabilmente un mese fa’, oltre allo staff della Proger e quello della nostra redazione, nessuno avrebbe ipotizzato questa posizione in classifica dopo 17 giornate. I ragazzi di coach Galli hanno centrato stasera al PalaLeombroni la quarta vittoria consecutiva, frutto di una gara condotta sempre in vantaggio con grandi personalità, intelligenza e cuore e contro una terna arbitrale che ha fatto di tutto per mettersi negativamente in evidenza, danneggiando entrambe le squadre (ma più la Proger) con decisioni a dir poco fantomatiche. E’ stata la giornata biancorossa, indetta da ben quindici giorni e, a malincuore, si è vista meno gente del solito, nonostante la striscia positiva delle Furie, segno che la città di Chieti risponde ancora timidamente agli sforzi fatti dalla società: pochi tifosi (ma rumorosi), pochi giovani, i soliti affezionati. Le Furie hanno trovato una buona quadratura del cerchio dopo i vari infortuni dei mesi passati ed i giovani biancorossi, partita dopo partita, stanno dando il loro contributo in maniera determinante. Oltre alle ottime prove di Vedovato e Piccoli, questa sera è salito in cattedra Andrea Piazza, con 17 punti ed una sfrontatezza difficile da trovare in questa categoria; ottima la continuità di Diego Monaldi con 15 punti e 4 assist, di Armwood con 17 punti e 8 rimbalzi e di Ivan Lilov con 10 punti e 3 assist. Da Treviglio, una delle giovani squadre meglio organizzate, ci si aspettava francamente qualcosa in più, visto il gran lavoro di cui è capace coach Vertemati; i lombardi sono apparsi senza idee in attacco, affidandosi solamente a qualche tripla occasionale e a qualche lampo individuale di Matteo Tambone o di Tommaso Marino, giocando però la seconda metà della gara molto bene in difesa. Buona anche la prova del ceco Tomas Kyzlink, autore di 14 punti, 6 rimbalzi e 1 assist.

LA GARA. Coach Galli parte con Armwood, Lilov, Monaldi, Sergio e Piccoli; Treviglio risponde con Kyzlink, Sorokas, Marino, Turel e l’ex della partita Emanuele Rossi. Isaiah Armwood vince la palla a due con Sorokas ed è subito doppia tripla di Ivan Lilov, seguita da uno schiaccione di Armwood. Dopo due minuti di gioco le Furie sono avanti 8-0 e costringono Vertemati, visibilmente contrariato, a chiamare il primo timeout della gara. Isaiah è sugli scudi nonostante una timida reazione di Treviglio, ed un recupero di Lilov con conseguente coast to coast, porta i teatini al primo minibreak 17-7. Coach Galli inizia le rotazioni a 2:42 dal termine del primo quarto, inserendo Vedovato per dar fiato ad Isaiah Armwood, che va a sedersi con 9 punti all’attivo. I rimbalzi sono tutti delle Furie, il loro ritmo è arrembante, la concentrazione massima, nonostante un canestro annullato ingiustamente per infrazione di 24 secondi. La prima frazione si chiude 21-12, la Proger convince mentre Treviglio sembra annichilita dall’impeto biancorosso. All’inizio della seconda frazione coach Galli inizia con la difesa a zona 2-3, permettendo a Piazza un recupero importante, dopo un coast to coast vincente. Allegretti rileva l’ottimo Vedovato e piazza una tripla appena entrato. A 7: 50 la Proger è avanti 28-14 mentre la Remer è già con il bonus falli. Si gioca con un buon ritmo, la gara è molto piacevole sino ad una stoppata regolarissima di Armwood su Kizlink, che il solito arbitro Daniele Caruso giudica irregolare convalidando i due punti ai lombardi. Lo stesso Isaiah, allo scadere della frazione regala una tripla che impatta il punteggio sul 43-30. Si va a riposo consapevoli di una Proger ben strutturata ed affiatata, in ottima condizione atletica, con una quasi impenetrabile difesa mista e con un giropalla molto preciso e veloce. Treviglio, come già detto, si affida a qualche giocata di Marino e di Tambone, non ha un gioco fluido in attacco ma inizia a tirar fuori le unghie in difesa, anticipando quello che sarà il terzo quarto. Si riprende con una tripla di capitan Sergio,cui segue una penetrazione che fissa il punteggio sul 48-35 dopo due minuti di gioco. Sul conseguente tentativo di ripartenza lombardo, Ivan Lilov commette un fallo tattico a metà campo su Turel, al fine di bloccare il contropiede di Treviglio. L’ arbitro Caruso, sempre lui, vede però un fallo antisportivo tra le proteste del PalaLeombroni ed i lombardi sfruttano alla perfezione il doppio possesso, prima con i due tiri liberi dello stesso Turel, successivamente con due triple di Kyzlink, sino ad allora assente ingiustificato. La Remer pare incoraggiata da questo cambio di ritmo, la sua difesa si fa asfissiante, con Kyzlink su Lilov, Rossi su Armwood e Tambone su Monaldi, mentre le Furie non riescono più a trovare ordine né in attacco né in difesa, Kyzlink penetra come vuole nel pitturato teatino ed i bergamaschi rientrano in partita a 4:11 dal termine della terza frazione, complice ancora il solito arbitro che non fischia un fallo grosso come una casa su un tentativo di tripla di Lilov. Coach Galli chiama timeout e cerca di dare tranquillità ai suoi, sostituisce Sergio gravato di 3 falli con Allegretti, cercando di amministrare il vantaggio. I pick’n’roll non funzionano più come nella prima frazione e la difesa a zona pare abbastanza penetrabile. Il terzo quarto si chiude 60-53, ma c’è un certo timore sulle gradinate del PalaLeombroni, è ancora fresca la delusione patita nei mesi scorsi ed i più scettici temono possano esserci nuovamente dei cali psicofisici. I direttori di gara non fanno di certo niente per fugare tali dubbi e le Furie appaiono visibilmente innervosite da tali decisioni. L’ultima frazione si apre come s’era chiusa la precedente, con Kyzlink che penetra come vuole e sembra aver trovato terreno fertile nella difesa teatina, nonostante quest’ultima sia tornata a uomo. Dopo il primo minuto di gioco il punteggio è 60-57 ed i teatini perdono anche una palla in attacco per il limite dei 24 secondi. Rientra Monaldi per Piccoli e due penetrazioni, una impossibile di Piazza ed una di forza di Allegretti, provano a riportare la serenità in casa Furie. E’ Treviglio ora che chiama timeout ma sul PalaLeombroni è calato il silenzio. Il pubblico ha paura, i ragazzi di coach Galli invece no! Prima capitan Sergio recupera un pallone importantissimo e Armwood sigilla da due, poi Treviglio perde un altro pallone e viene punito con una tripla di Monaldi allo scadere dei 24’’: Chieti c’è eccome!!! Un coast to coast ed un'altra penetrazione mostruosa di Piazza riportano le certezze in casa Proger che, a 3:55 dal termine, torna ad avere un vantaggio di dieci 72-62. Le furie gestiscono perfettamente questo vantaggio sino al termine della gara, nonostante altre due decisioni arbitrali a dir poco ridicole. La Remer paga invece l’eccessivo sforzo degli ultimi 15 minuti, nel tentativo di recuperare la partita, non ha più le gambe e la lucidità per tenere testa alle Furie. La gara termina con una bomba di Piazza allo scadere, che sigilla il punteggio sul 79-69. Nonostante un gioco poco spumeggiante ed un attacco alquanto improvvisato, Treviglio resta una delle migliori squadre giovani del campionato. Le Furie hanno pienamente meritato la vittoria, sono state avanti per l’intera gara e, con estrema franchezza, hanno subito l’unico break da Treviglio a causa di una decisione arbitrale inesistente. Ciò rafforza quindi ancora più il lavoro che sta facendo coach Galli con il suo staff, la condizione psicofisica è allo stato ottimale e domenica prossima, in quel di Ferrara, ci si attende una prestazione degna di questa squadra che sta crescendo di partita in partita. Grandi Furie, grande coach!!!

TABELLINO: PROGER CHIETI REMER TREVIGLIO 79-69  (21-12, 22-18, 17-23, 19-16)

Proger Chieti: Piazza 17 (6/7, 1/2), Allegretti 6 (1/2, 1/1), Piccoli 2 (1/1, 0/2), Vedovato 1, Sergio 11 (4/7, 1/6), Lilov 10 (2/4, 2/7), Monaldi 15 (2/2, 3/8), Armwood 17 (4/10, 2/3) N.E.: Clemente, Marchetti, Sipala
Tiri Liberi: 9/17 – Rimbalzi: 37 27+10 (Armwood 8) – Assist: 14 (Monaldi 4)
Remer Treviglio: Savoldelli 3 (1/2 da tre), Chillo 4 (1/3, 0/1), Kyzlink 14 (3/3, 2/6), Sorokas 6 (3/9, 0/2), Marino 15 (4/5, 2/9), Spatti, Tambone 15 (2/2, 3/7), Rossi 4 (0/2 da due), Turel 8 (0/1, 2/5) N.E.: Ferri. Tiri Liberi: 13/15 – Rimbalzi: 32 26+6 (Sorokas 8) – Assist: 12 (Marino 3)

RISULTATI 17^ GIORNATA

Europromotion Legnano-Bondi Ferrara 77-85

OraSì avenna-Aurora Jesi 82-66

Bawer Matera-Centrale Del Latte Brescia 85-96

Mec Energy Roseto-Tezenis Verona 91-74

Basket Recanati-De’Longhi Treviso 74-88

Alma Trieste-Dinamica Mantova 76-66

Proger Chieti-Remer Treviglio 79-69

Eternedile Bologna-Andrea Costa Imola 68-81

CLASSIFICA

Centrale Del Latte Brescia 28

Andrea Costa Imola 26

De’Longhi Treviso 24

Dinamica Mantova 22

Tezenis Verona 20

OraSì Ravenna 20

Mec-Energy Roseto 20

Proger Chieti 16

Eternedile Bologna 16

Remer Treviglio 16

Alma Trieste 16

Bondi Ferrara 14

Eurtopromotion Legnano 12

Aurora Jesi 10

Basket Recanati 8

Bawer Matera 4

 

PROSSIMO TURNO

De’ Longhi Treviso-Bawer Matera

Tezenis Verona-Etrernedile Bologna

Centrale Del Latte Brescia-Mec Energy Roseto

Bondi Ferrara-Proger Chieti

Remer Treviglio-OraSì Ravenna

Andrea Costa Imola-Alma Trieste

Aurora Jesi-Basket Recanati

Dinamica Mantova-Europromotion Legnano

 Stefano Tortoreto

lunedì 18 gennaio 2016, 12:05

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
proger chieti
chieti treviglio
tabellino chieti treviglio
chieti basket remer treviglio
roseto
classifica
risultati
Cerca nel sito