D'Alfonso fara' il senatore ma intanto resta presidente della Regione Abruzzo

Respinta la mozione di sfiducia del centrodestra e M5s. Hanno votato a favore del Governatore uscente anche Di Matteo, Gerosolimo, Olivieri e Sclocco

D'Alfonso fara' il senatore ma intanto resta presidente della Regione Abruzzo

TUTTO COME DA COPIONE. BOCCIATA LA MOZIONE DI SFIDUCIA PER IL "DOPPIO INCARICO". Il Consiglio regionale d'Abruzzo hai respinto la mozione di sfiducia al presidente della Giunta Luciano D’Alfonso, presentata dalle minoranze di centrodestra e del Movimento Cinque Stelle, in ragione del suo doppio incarico: quello nell'esecutivo regionale e quello di senatore della Repubblica eletto alle ultime amministrative.

Dei 26 consiglieri presenti in aula, oggi a L'Aquila, con il voto palese hanno appoggiato la mozione di sfiducia 10 consiglieri, mentre i no sono stati 15. Un solo astenuto. Un prevedibile e scontato anche perché i consiglieri dissidenti di maggioranza Di Matteo, Gerosolimo, Olivieri e Sclocco, in particolare, non si sono uniti - come preannunciato - alla mozione delle minoranze.

La mozione di sfiducia, qualora fosse approvata, non avrebbe comportato automaticamente le dimissioni anticipate del presidente, il quale ha ribadito di voler optare per la carica di senatore. Resta la questione dell'art. 122 della Costituzione che precisa che: "Nessuno può appartenere contemporaneamente a un Consiglio o a una Giunta regionale e ad una delle Camere del Parlamento, ad un altro Consiglio o ad altra Giunta regionale, ovvero al Parlamento europeo".

Redazione Independent

venerdì 25 maggio 2018, 19:00

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
dalfonso
senatore
mozione di sfiducia
regione abruzzo
costituzione
ultime notizie
di matteo
gerosolimo
olivieri
sclocco
Cerca nel sito