CODACONS: "SBLOCCARE GLI STIPENDI DEI PUBBLICI DIPENDENTI"

Notificata una diffida al Governo, all'Aran e ai sindacati. I lavoratori sono ancora in attesa del rinnovo di contratto dopo la sentenza della Corte Costituzionale

CODACONS: "SBLOCCARE GLI STIPENDI DEI PUBBLICI DIPENDENTI"

SBLOCCATELI. I dipendenti pubblici dell’Abruzzo sono ancora in attesa del rinnovo di contratto, dopo la sentenza della Corte Costituzionale che ha bocciato il blocco degli stipendi nel pubblico impiego. Proprio per questo il Codacons – che ha già lanciato un'azione risarcitoria collettiva – ha notificato ieri una diffida al Governo, all’Aran e ai sindacati affinché venga disposto entro 30 giorni il rinnovo dei contratti collettivi per il triennio 2016-2018 e il conseguente adeguamento agli indici Istat degli stipendi dei pubblici dipendenti, in esecuzione della sentenza n. 178 del 24 giugno 2015 con cui la Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del regime della sospensione della contrattazione collettiva per il personale pubblico dipendente.

"Il ritardo nel rinnovo già maturato ha causato e sta tuttora causando ingenti danni patrimoniali ai dipendenti pubblici dell’Abruzzo – denuncia il presidente Carlo Rienzi – Danni per i quali i lavoratori possono chiedere attraverso il sito www.codacons.it un equo indennizzo ai sensi dell’art. 1173 del codice civile, commisurato alla perdita di potere d’acquisto dello stipendio per gli anni dal 2010 sino al 30 luglio 2015, per un totale di 8.800 euro a lavoratore".

Gli Indipendenti

giovedì 21 gennaio 2016, 13:10

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
codacons
aran
economia
abruzzo
dipendenti
pubblici
diffida
carlorienzi
Cerca nel sito