Arresto De Fanis. Radicali contro "gogna mediatica"

Le parole dell'imprenditore Mascitti su presunta tangente da 4mila euro. Sono da provare le spese per lo champagne

Arresto De Fanis. Radicali contro "gogna mediatica"

ARRESTO ASSESSORE DE FANIS. RADICALI CONTRO LA GOGNA MEDIATICA. "Quello della bufera giudiziaria che ha travolto l'Assessore regionale Luigi De Fanis, sembra un film già visto: e non per gli esiti processuali - per i quali non resta che attendere - ma per la consueta disinvoltura con cui un l'indagato è stato sottoposto alla gogna mediatica susseguente alla misura restrittiva". Sono le parole con cui il segretario di Radicali Abruzzo, Alessio Di Carlo, ha commentato la notizia dell'arresto dell'Assessore Regionale del Pdl, Luigi de Fanis. "Accanto alla sistematica violazione del principo di innocenza - ha proseguito l'esponente radicale - tocca constatare l'anomalia della pubblicazione da parte di alcuni organi di stampa di stralci di intercettazioni telefoniche che dovrebbero essere coperti da segreto istruttorio". Di Carlo ha inoltre ribadito la particolare cautela da prestare nei confronti di chi, fino a sentenza definitiva di condanna, deve considerarsi cittadino innocente "tanto più a sei mesi dal voto regionale". Secondo Di Carlo poi "non sono state diffuse notizie sufficienti riguardo gli eventi organizzati dal Mascitti, quando e dove si sono svolti, né informazioni adeguate sulla Società Italiana di Cultura, la ONLUS che organizzava gli stessi". "Le uniche informazioni a riguardo - ha concluso Di Carlo - sono reperibili dallo statuto disponibile on line e sembrano parecchio interessanti".

Redazione Independent

mercoledì 13 novembre 2013, 13:56

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
arresto
de fanis
radicali
imprenditore
tangente
mascitti
champagne
Cerca nel sito

Identity