Racket della prostituzione: il video degli arresti

Cinque misure cautelari sono state eseguite dalla Squadra mobile di Pescara nei confronti dei componenti di una pericolosa banda criminale di romeni accusati di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, estorsione, lesioni, violenza privata e minacce. Decisiva la collaborazione di una delle ragazze fuggita dai suoi aguzzini.

Ricostruito un giro d'affari di almeno centomila euro al mese.

Inquietanti le intimidazioni alla ragazza:"Ti faremo partorire e poi venderemo il tuo bambino".

martedì 21 gennaio 2014, 12:14

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Cerca nel sito
Questa galleria

La prostituta coraggiosa fa arrestate i suoi "aguzzini"