Il video dell'aggressione del branco

Aggredito dal "branco" per una sigaretta negata. E' successo a Pescara, lo scorso 20 aprile, quando un ragazzo appena diciassettenne è stato barbaramente picchiato da cinque coetanei per futili motivi. Il capo del gruppo "balordo", un diciottenne della provincia di Chieti, è stato arrestato dopo che su facebook aveva postato l'inquietante monito "Dio perdona, la banda no". La vittima ha riportato la frattura del setto nasale e di due dita della mano e ne avrà per 60 giorni. Per il protagonista in negativo della vicenda, invece, sono scattati gli arresti domiciliari

martedì 18 giugno 2013, 12:20

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Cerca nel sito
Questa galleria

L'aggressione del "branco"