Voto. Si vince a L'Aquila

Cialente sigla un'accordo per la gestione delle macerie, Chiodi annuncia un piano di rilancio. E' propaganda?

Voto. Si vince a L'Aquila

SU L'AQUILA SI GIOCA LA PARTITA ELETTORALE. Ieri è toccato al sindaco Massimo Cialente, quota Pd, annunciare l'accordo di programma con il Ministro dell'Ambiente Corrado Clinier hanno sottoscritto l'accordo di programma per la "definizione delle azioni necessarie per la gestione delle macerie pubbliche e private conseguenti i crolli e le demolizioni causate dal sisma del 6 Aprile 2009 nella Regione Abruzzo". Oggi, invece, si è mosso il Presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, con la proposta di rilancio economico e sociale dell'Aquila e dei comuni del cratere sismico del presidente della Regione. Cinque i punti del programma da annunciare al Convegno Nazionale della Cgil: un'adeguata rete viaria al servizio delle attività produttive in modo che queste ultime siano connesse e collegate con il tessuto produttivo nazionale, il rilancio del polo farmaceutico, il finanziamento dei contratti di sviluppo, il consolidamento del progetto scientifico del Gran Sasso Institute e il progetto di rilancio dell'Istituto zooprofilattico d'Abruzzo. Ora la domanda nasce spontanea: come mai a quasi quattro anni dal sisma (6 aprile 2009) si stanno avanzando soltanto ora certe proposte? Non è forse per caso perchè è iniziata la campagna elettorale e perchè il 24 e 25 febbraio si vota per il Parlamento? "A pensar male si fa peccato", diceva Giulio Andreotti, che ieri a compiupo 94 anni, "ma qualche volta ci si azzecca".

twitter@subidirettore

 

martedì 15 gennaio 2013, 11:15

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
l'aquila
cgil
convegno
partita
voto
cialente
chiodi
macerie
piano
rilancio
Cerca nel sito

Identity

Attualità

di Benny Manocchia

Se questa è Europa

Società

di Benny Manocchia

Americani senza Dio

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?