Vittoria per We're Basket

We're Basket San Vito Ortona–Hatria Basket 82-60. Evitato il taglio del rating

Vittoria per We're Basket

WE'RE BASKET SAN VITO ORTONA – HATRIA BASKET 82-60. Vittoria sofferta per il We're Basket San Vito Ortona, che rincorre l'Hatria per più di metà gara ma poi serra le maglie in difesa e vince con un punteggio che può ingannare chi non ha assistito alla partita. Serviva una vittoria, dopo la débacle di Roseto, per non entrare ufficialmente in recessione, ma i ragazzi di coach Di Martino hanno dovuto sudare le proverbiali sette camicie per avere ragione degli atriani, scesi in frentania con l'intenzione di muovere una classifica che li vede fermi a quota 8 punti.

LA GARA. L'inizio di gara è stato è stato un monologo ospite: al primo canestro firmato Assogna (ex sanvitese nell'anno della promozione in DNC, premiato prima della gara) fanno seguito le realizzazioni di Oliszynski e Di Marco, con uno spread cestistico che alla fine del primo quarto recitava 13 punti di differenziale, sul 24-11 in favore del team presieduto da Luigino Sciarra. I ragazzi We're sembravano ancora imballati dai panettoni delle feste appena trascorse, mettendo in mostra una difesa distratta ed un attacco confusionario, con varie infrazioni di passi, ed a poco servivano gli innesti di Lungaro e di Claudio “Moses” Capone, costretto ad abbandonare il campo all'inizio del secondo quarto, vittima di un risentimento muscolare. Nella seconda frazione di gioco però i padroni serravano le fila in difesa, concedendo solo 10 punti agli avversari, ed andavano a canestro con maggiore facilità, con Savini e soprattutto Agostinone, autore di una prova offensiva degna del miglior Darryl Dawkins: un 10 su 10 da due punti che gli fa perdonare l'inconsueta imprecisione dalla lunetta e lo 0/4 al tiro dalla lunga distanza. E' proprio un contropiede di “Ago” a riportare il We're a meno tre, sul 27-30, prima di subire un contro break di 4 punti dell'Hatria, ed all'intervallo il punteggio è fissato sul 27-34 col canestro di Borromeo giudicato dagli arbitri fuori tempo massimo.

LA RIPRESA. Al rientro sul terreno di gioco Atri allunga e si riporta a +10, ma i padroni di casa non demordono, e con un parziale di 10-0 trovano la prima parità del match a quota 41, con la prima bomba marca We're realizzata da Lungaro a metà quarto. La partita cambia volto: We're Basket difende, recupera palloni e vola in contropiede, frapponendo mano a mano sempre più punti tra sé e gli avversari, che chiudono il terzo quarto sotto di cinque lunghezze, sul 55-50. I dieci minuti finali non lasciano però scampo all'Hatria, costretta ad alzare bandiera bianca dopo aver subito un 16-3 che non ammette repliche, con Agostinone, Borromeo ed un solidissimo Dario Pasquini che scavano il solco. La bomba finale di Iannetti fissa il punteggio finale sull'82-60, un risultato fin troppo severo per il quintetto allenato da coach Panzini. We're Basket San Vito Ortona evita quindi il taglio del rating in questa prima giornata del girone di ritorno, e dopo la sconfitta patita a Roseto rilancia le proprie ambizioni in vista dei playoff: la società inoltre tiene gli occhi aperti sul mercato, complice anche l'infortunio incorso a Capone, e valuta possibili innesti di peso nel roster.

IL TABELLINO. We're Basket San Vito Ortona – Hatria Basket 82-60

We're Basket: Agostinone 22, Capone C., Borromeo 22, Pasquini F., Capone F. 2, Pasquini D. 6, Savini 16, Ricci, Bini 8, Lungaro 6. All. Di Martino.

Hatria Basket: Torrieri 11, Sereno, Assogna 12, Di Blasio A., Iannetti 9, Oliszynski 11, Di Marco 11, Adonide 4, Sumskis 2, Di Blasio S. All. Panzini.

 

D.S.

domenica 13 gennaio 2013, 17:49

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
we're basket
san vito
ortona
hatria basket
notizie
classifica
Cerca nel sito

Identity

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?

Società

di Silvia Cipolloni

Wistleblowing!

Sport

di Benny Manocchia

Ciao Italia!