Vittima o bancarottiere?

Gli avvocati di Angelini chiedono l'assoluzione per "Gola Profonda": «Ha detto sempre la verità»

Vittima o bancarottiere?

AL SANITPOLI LA DIFESA ANGELINI CHIEDE L'ASSOLUZIONI. Al Sanitopoli, processo sul presunto maxi scandalo nella sanità privata abruzzese, è il turno dei legali del grande accusatore di Ottaviano Del Turco chidere l'assoluzione dei difensori. Secondo Sergio Menna, avvocato subentrato a processo in corso al posto di Sabatini Ciprietti, l'ex patron di Villa Pini, Vincenzo Maria Angelini, «è la vittima in questo processo, di condotte altrui». I pubblici ministeri, Giampiero Di Florio e Giuseppe Bellelli, hanno chiesto al termine della lunga requisitoria, lo scorso 12 giugno, la condanna a tre anni per l'ex re della sanità abruzzese. Assistito dalla collega Iole Di Bonifacio ha sottolineato anche le qualità de

MENNA: «ANGELINI E' CREDIBILE». Uno dei passaggi chiave dell'arringa difensiva è stato quando Menna ha sottolineato le qualità umane ed imprenditoriali del suo assistito, accusato dal tribunale di Chieti per una bancarotta fraudolenta da oltre 100 milioni di euro. «Angelini - ha detto l'avvocato pescarese - è un uomo estroso, estremamente intelligente, che aveva un patrimonio suo. Non è un peccato questo e non è neanche un reato. Non possiamo fare il processo alla ricchezza. Angelini è una persona credibile, lo dicono i fatti e i documenti. Chiediamo di valutare la sua credibilità». Si torna in aula venerdì anche se stato confermato lo sciopero degli avvocati.

Redazione Independent

mercoledì 03 luglio 2013, 18:18

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
angelini
menna
ciprietti
arringa
condanna
del turco
sanit
tangenti
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano