Virtus, pareggio con rabbia

Contro la corazzata Sassuolo finisce 2 a 2 ma l'arbitraggio di Irrati non ha convinto. Sconfitte per Ascoli e Cittadella

Virtus, pareggio con rabbia

VIRTUS-SASSUOLO 2 A 2. PAREGGIO CON 6 CARTELLINI GIALLI AI FRENTANI. Come era facile prevedere al Biondi, gli oltre 5.000 spettatori, hanno assistito ad un incontro al cardiopalma, con
continui cambiamenti di fronte tra Lanciano e Sassuolo. L'incontro,che si è chiuso con un pareggio, non accontenta nessuna delle due squadre e e rinvia all'ultima gara di campionato il responso finale, quando il Sassuolo il 18 affronterà il Livorno in casa, e il Lanciano se la dovrà vedrà con un osso duro, il Novara, che non dispera di poter disputare i play off. La partita di oggi è stata arbitrata dal sig. Irrati in modo che non può definirsi ineccepibile. Infatti ha tirato fuori
il cartellino giallo ben 6 volte, a danno dei rossoneri. Inoltre le due reti della squadra emiliana non sono sembrate regolari. La nota positiva per Mister Gautieri è che anche un pareggio garantirebbe la permanenza in B in quanto sia la compagine dell'Ascoli che quella del Cittadella, dirette concorrenti alla salvezza, sono state sconfitte.

LA PARTITA. Il primo tempo è stato vivace e caratterizzato da continui capovolgimenti di fronte. Al 4° minuto la Virtus passa in vantaggio con Vastola che insacca di testa su cross di Mammarella. La replica del Sassuolo arriva al 18°con un magistrale calcio di punizione battuto da Berardi che s'insacca all'angolino della porta difesa da Leali. Sono ancora gli emiliani ad andare in rete al 27°. Su calcio piazzato, la palla, respinta dalla barriera , finisce tra i piedi di Pavoletti che calcia, Leali respinge corto e Chigsah, ben appostato, insacca a porta vuota. Le emozioni non finiscono qui: al 41° è Piccolo a riportare la Virtus in parità con un bel tiro da circa 20 metri  che beffa Pomini. Nel secondo tempo come nel primo, le due formazioni si affrontano alla garibaldina, senza timori reverenziali, confezionando diverse occasioni da rete. Il Lanciano, dopo l'ammonizione di Vastola al 13°, colleziona il sesto cartellino giallo e terme di finire l'incontro in
inferiorità numerica. Al Sassuolo, che non ha buone notizie da Empoli che passa in vantaggio con il Cittadella, non basta più il pareggio e nell'ultima parte dell'incontro assedia l'area frentana alla ricerca della vittoria. Di Francesco le prova tutte: al 39° sostituisce Chibsah con Caribi. L'incontro finisce con gli emiliani protesi in avanti senza però riuscire a passare in vantaggio.

TABELLINO.

Virtus Lanciano (4-3-3): Leali, Di Cecco, Aquilanti, Amenta, Mammarellla, Vastola, D'Aversa (15°st Minotti), Volpe, Piccolo (19°st Fofana), Falcinelli, Turchi (30°st Paghera). A disp: Aridità, Rosania, Plasmati, Scrosta. Allenatore: Gautieri
Sassuolo (4-3-3): Pomini, Laverone (1°st Marzorati), Terranova, Bianco, Longhi, Magnanelli, Chibsah (39°st Laribi), Missiroli, Berardi, Pavoletti (14°st Boakye), Catellani. A disp: Pigliatelli, Frascatore, Troiano, Masucci. Allenatore: Di Francesco
Arbitro: Irrati

Clemente Manzo

sabato 11 maggio 2013, 18:49

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
lanciano
sassuolo
classifica
play out
salvezza
Cerca nel sito

Identity