Violenza sessuale su una brasiliana: 60enne di Miglianico finisce a "Madonna del Freddo"

Arriva il "definitivo" per il protagonista di una brutta storia del 2018. L'uomo sconterà 5 anni e 6 mesi in cella

Violenza sessuale su una brasiliana: 60enne di Miglianico finisce a "Madonna del Freddo"

UOMO 60ENNE SCONTERA' CINQUE ANNI IN CARCERE PER VIOLENZA SESSUALE. Dovrà scontare in carcere la pena definitiva di 5 anni e 6 mesi di reclusione D.U.A., il 60enne di Miglianico responsabile di una violenza sessuale avvenuta, nel 2008, ai danni di una cittadina brasiliana. Ieri i Carabinieri della locale Stazione hanno eseguito nei suoi confronti un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di L’Aquila e, al termine delle formalità di rito, l’uomo è stato tradotto presso la casa circondariale di Chieti.

LA VICENDA RISALE AL 2008. La vicenda risale ad alcuni giorni prima di Natale 2008. L’arrestato, che all’epoca dei fatti era 52enne, ospitava in casa una donna brasiliana sua coetanea che, però, decide di lasciarlo. L’uomo, non accettando volentieri la decisione della convivente, riesce a convincerla ad avere un ultimo chiarimento fissando un incontro nella sua abitazione di Miglianico avvenuto una settimana prima di Natale. E’ qui che, secondo quanto emerso dall’attività investigativa svolta, il 60enne aggredisce la donna violentandola. La malcapitata, dopo l’episodio, sporge denuncia presso gli uffici della Questura di Pescara facendo così scattare le indagini che hanno inchiodato l’uomo alle sue responsabilità.

Redazione Independent

 

sabato 12 marzo 2016, 14:44

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
violenza sessuale
miglianico
brasiliana
condannato uomo
carcere
madonna del frddo
Cerca nel sito

Identity

Attualità

di Benny Manocchia

Se questa è Europa

Società

di Benny Manocchia

Americani senza Dio

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?