Violenza bruta sulla convivente. Arrestato a Pescara pregiudicato

La donna era stata segregata nella camera da letto dopo le botte per impedire ai poliziotti di scoprire l'aggressione. Poi un lamento dalla camera da letto....

Violenza bruta sulla convivente. Arrestato a Pescara pregiudicato

Un 44enne pescarese, pluripregiudicato, è stato arrestato con le gravissime accuse di maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficale.

Sono state gli agenti della Squadra Mobile ad intervenire nel cuore della città di Pescara, dentro un appartamento dal quale, fino a poco prima, provenivano delle urla disumane. Così i vicini, spaventati dai lamenti di una voce femminile, avevano pensato giustamente di chiamare le forze dell'ordine.

Insomma quando i poliziotti sono andati a bussare sembrava che nulla fosse accaduto. Tutto taceva, calma piatta anche perchè l'uomo diceva di essere solo in casa.

Ma ad un certo punto un lamento, proveniente dalla camera da letto, ha insospettito gli agenti che sono andati a verificare. Non appena hanno aperto la porta della stanza si sono trovati davanti una giovane, di 33 anni, col volto ed il naso tumefatto, lividi ad entrambi gli occhi, le labbra gonfie e con piccole lacerazioni sanguinanti.

Il responsabile ha provato a giustificarsi dicendo che la convivente era caduta lungo le scale ma la sua versione è stata subito smentita dalla donna.

Per il primo sono scattate le manette, per la povera vittima il ricovero in ospedale.

Redazione Independent

 

mercoledì 04 marzo 2015, 12:56

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
pescara
botte
convivente
arrestato
ospedale
notizie
Cerca nel sito

Identity