Vince il "Partito del No" e la Scozia si tiene la Gran Bretagna

Le conseguenze del referendum nel Regno Unito e nella Ue. Euroscettici ed indipendentisti in fermento

Vince il "Partito del No" e la Scozia si tiene la Gran Bretagna

LE CONSEGUENZE DELLA VITTORIA DEI NO IN SCOZIA NEL REGNO UNITO E NELL'UE
Almeno per ora i mercati finanziari, le cancellerie europee, il presidente Obama possono sollevare un sospiro di sollievo: nel referendum indipendentista scozzese hanno vinto i no con il 55% mentre i sì sono fermati al 45%. A prescindere dall'essere favorevoli o meno all'indipendenza della Scozia, non c'è dubbio che l'assetto sociale, politico, economico e finanziario dell'ex Regno Unito ne sarebbe stato sconvolto. Edimburgo avrebbe mantenuto la sterlina? E la perdita del petrolio e del gas scozzesi, quali conseguenze avrebbero comportato sull'economia inglese? Sul piano finanziario ci sarebbe stata una fuga di capitali? Come sarebbe stato ripartito il debito pubblico? . Per tamponare l'avanzata è scesa in campo perfino la regina d'Inghilterra che storicamente non interviene nelle questioni politiche dell'Unione e il primo monostro Gordon Brown all'ultim'ora ha dovuto promettere importanti concessioni al Nord del paese, storicamente meno sviluppata del Sud, un pò come accade da noi, mutatis mutandis, con il cronico divario tra Nord e Sud .

EUROSCETTICI ED INDIPENDENTISTI EUROPEI IN FERMENTO
E poi quali sarebbero state le conseguenze della vittoria dei sì sull'UE dove i movimenti indipendentisti sono in fermento e gli euroscettici sono in aumento?. Solo per fare un breve cenno alla diaspora in Europa: come avrebbero reagito i movimenti autonomisti ed indipendentisti del nord Italia, della Sardegna, e poi quelli della Corsica in Francia , della Catalogna e dei paesi Baschi in Spagna, dei fiamminghi in Belgio ed infine dell'Irlanda del Nord? Non dimentichiamo che ai confini dell'Europa la Crimea ha dichiarato unilaterlmente l'indipendenza nel marzo del 2014 dall' Ucraina e i filo russi stanno combattendo una sanguinosa guerra che ha già causato quasi 3.000 morti per strappare l'indipendenza da Kiev. Se per fermare l'avanzata degl indipendentisti Gordon Brown ha allargato i cordoni della borsa, le cancellerie europee e la stessa UE non potranno essere da meno perché, anche se il referendum ha confermato l'unione del Regno Unito, è facile profetizzare che difficilmente sia al di là della manica che al di qua della Manica le cose non cambieranno.

Clemente Manzo

venerdì 19 settembre 2014, 10:38

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
scozia
referendum
indipendenza
gran bretagna
corsica
francia
spagna
paesi baschi
italia
crimea
Cerca nel sito

Identity