Vicenda Porto: a chi tocca?

La "piaga" del dragaggio del fiume Pescara. Chiodi al Governo: «Che si fa?». Il futuro dell'infrastruttura è nero

Vicenda Porto: a chi tocca?

LA "PIAGA" DEL PORTO DI PESCARA - La richiesta di "convocare un nuovo incontro" sulla situazione del Porto di Pescara è stata inviata dal presidente della Regione, Gianni Chiodi, ai Sottosegretari Tullio Fanelli (Ambiente) e Guido Improta (Infrastrutture e Trasporti). "Nell'ultima riunione del 7 giugno - scrive Chiodi ai due componenti del Governo - si era convenuto che entro le due settimane successive sarebbe stata convocata una ulteriore riunione per fare il punto della situazione e per la disamina degli eventuali aggiornamenti". Da qui la richiesta di un nuovo incontro "con la partecipazione di tutti i soggetti interessati e già presenti al tavolo del 7 giugno". Ma, è nelle intenzioni del presidente della Regione, chiedere al Governo una presa di posizione "chiara e inequivocabile" sul Porto di Pescara. "Vogliamo sapere - ha concluso Chiodi - se esiste una effettiva volontà da parte del Governo a ripristinare le funzionalità della struttura portuale pescarese, sulla quale, è il caso di ricordare, permane la competenza piena dello Stato".

Redazione Independent

venerdì 29 giugno 2012, 15:55

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
porto
pescara
piaga
chiodi
struttura
competenza
ripristinare
funzionalit
Cerca nel sito

Identity

Attualità

di Benny Manocchia

Se questa è Europa

Società

di Benny Manocchia

Americani senza Dio

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?