Via C.Battisti, quindici giorni di chiusura per il Best of India

Continua il giro di vite da parte della forze di polizia nei confronti di locali della movida pescarese “fuori controllo”

Via C.Battisti, quindici giorni di chiusura per il Best of India

Quindici giorni di chiusura, a seguito di sospensione della licenza, è quanto ha disposto il Questore di Pescara, Paolo Passamonti, nei confronti del bar “Best of India”, in seguito al blitz dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Pescara avvenuto lo scorso fine settimana.

Il locale, nella centralissima via Cesare Battisti, era stato monitorato dai militari in seguito a numerose segnalazioni da parte di residenti e frequentatori della zona che lamentavano, specialmente nei fine settimana, non solo un’intollerabile situazione di confusione dovuta agli schiamazzi molesti degli avventori ubriachi, ma anche episodi di spaccio di droga.

Circostanze puntualmente verificate dai Carabinieri che nel corso delle operazioni di controllo e perquisizione del locale, oltre ad identificare i 38 avventori, tutti stranieri e gravati da segnalazioni di polizia, hanno rinvenuto oltre 100 grammi di sostanze stupefacenti, hashish e marijuana, occultati ovunque.

L’obiettivo del servizio, ultimo di una serie di sospensioni sempre disposte dal Questore su proposte delle forze di polizia nei confronti di locali di Pescara Vecchia, è quello di tutelare da un lato il 99% dei pescaresi fruitori di una “sana” movida e dall’altro dimostrare agli esercenti che operare al di fuori delle regole comporta severe risposte da parte delle Istituzioni.

Redazione Independent

giovedì 29 maggio 2014, 14:56

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
besto of india
via cesare battisti
chiuso
spaccio
passamonti
licenza
questore
Cerca nel sito

Identity

Attualità

di Benny Manocchia

Se questa è Europa

Società

di Benny Manocchia

Americani senza Dio

Food & Wine

di Benny Manocchia

Italian thanksgiving

Società

di Benny Manocchia

Il giornalismo secondo me

Società

di Benny Manocchia

Chi sono i Millenials?