Verratti ed Anania col cuore

Le pagelle dei biancazzurri - Bene il "Pirlo" di Manoppello, "Ciuffo Biondo" e il numero uno del Delfino. Male la difesa

Verratti ed Anania col cuore

CONTRO TUTTI - Stadio Adriatico: 19mila zingari con lo sguardo zemaniano sono pronti a tutto pur di difendere il nostro amato Delfino dalle invidie e dalla Lega. Come? Ma con stile, ovviamente! La prova chiara e inequivocabile, prima della partita, è opera degli Ultras dalla Nord. Invece del prevedibile e meritatissimo striscione contro quel sindaco rosicone ovvero di qualche slogan inviso ai poteri forti “protoro”, ecco che spunta un messaggio d’amore e di dolore verso 22 povere anime tragicamente scomparse. Stupiti? Tutti, tranne quelle 180 rondinelle venute da lontano. La partita col Brescia finisce 1 a 1 dopo un match equilibrato ed il solito arbitraggio antizeman. Secondo posto a uno dal Torino: 62 stramaledettissimi, meritati, punti.

Anania 7,5: Grandioso sul rigore assegnato dall’arbitro Massa. Sfiora con le dita la palla, calciata bene da Piovaccari, e la spinge sul palo alla destra. Poi, nel secondo tempo, salva tutti con un miracolo su El Kaddouri lanciato in corsa. Migliore in campo!

Zanon 6: Non ce la fa a fare un passaggio decente, mah! Sarà forte fisicamente e pure veloce come una lepre ma in questa occasione non ci è piaciuto, boh! Ed incredibilmente risulta essere il migliore della difesa. Punto interrogativo!

Capuano 5,5: Non ci piace su Piovaccari né su Feczesin. Tutta la partita è affannato: corre un po’ dappertutto ma non trova mai il posto giusto dove stare. Giustificato solo per il grande campionato che ha fatto fino ad oggi. Evanescente!

Romagnoli 5: Un precario al centro della difesa. Ogni pallone che tocca è un rischio. Costringe all’ammonizione pure Verratti - che poi sarà espulso – dovendo recuperare su un suo passaggio. Imbarazzante!

Balzano 6: Prova a contribuire con la forza fisica come il suo collega “fascista”. Non combina granchè: non deve difendere e quando avanza non crossa come deve. Anonimo!

Cascione 6: Sbaglia un gol a porta quasi vuota e quel piedone (forse un 44) non è proprio delicato. Poi, come tutti, nel secondo tempo non corre più e si calma. Cammina, più che altro. Non è il solito mostro. Pluto di Topolino!

Verratti 7: Strepitoso davanti alla difesa quando gli danno la palla ed è pressato dagli avversari. Mostruoso quando sotto di un gol decide che il Pescara deve tornare a giocare a pollone. Ci mette pure il fisico, che non ha, e lotta. Verratti è tutto anche quando viene espulso. Coraggioso!

Nielsen 6: Non è per niente male questo biondo danese solo che dura poco più di un tempo. Nel primo è geometrico, si intende alla meraviglia col “Volto Santo” di Manoppello. Mentre nel secondo cala e soffre troppo il  pressing di Salamon e Vass. (85’ Kone: Svogliato entra a 5 minuti dalla fine per dare la botta finale. Zero!)

Sansovini 6,5: Il capitano non è in forma. Che dobbiamo dire di più: se avete visto la partita vi sarete resi conto che del tridente biancazzurro è quello meno in palla. Ti vogliamo bene!  (75’ Soddimo: Non entra in partita. Mai, mai più un goal come quello a Vicenza?)

Insigne 6,5: Ciao! Il Messi dell’Adriatico è un capolavoro di finte, veroniche, magie, tiri che fanno impazzire soprattutto il capitano delle Rondinelle. Poi la squadra non lo serve più così lui si annoia e si spegne. Red hot chili peppers.

Immobile 7: Devastante e determinato. Proviamo a descrivere il 22esimo gol della stagione. Entra in area, sulla sinistra, e sferra  (da posizione impossibile) un diagonale di piatto, dopo uno scambio laser con Nielsen e controllo di tacco in corsa. Basta? Micidiale!

Romanzo

 

lunedì 19 marzo 2012, 22:58

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
pagelle
immobile
zeman
pescara
veratti
insigne
anania
secondo posto
serie b
sindaco
ultras
nord
tifosi
rondinelle
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano