Vendevano Amnesia a scuola, filmati e denunciati per spaccio

Allarme droga nelle scuole di L'Aquila e Avezzano. Cinque giovani, aquilani e stranieri, deferiti alla procura della Repubblica

Vendevano Amnesia a scuola, filmati e denunciati per spaccio

APPENA MAGGIORENNI VENDEVANO AMNESIA, MARIJUANA PARTICOLARMENTE NOCIVA, A MINORENNI DAVANTI ALLE SCUOLE. Cinque i giovani denunciati dalla Squadra Mobile di L’Aquila per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, in particolare marijuana ed hashish: si tratta di ragazzi aquilani e stranieri, tra i 19 ed i 23 anni, tutti residenti tra l’Aquila e la Marsica.

Studenti di scuole superiori ed universitari, originari di L’Aquila e di Avezzano, mentre gli stranieri provenienti da Romania e Colombia. Due di questi ragazzi hanno piccoli precedenti di polizia in materia di stupefacenti.

Le indagini, iniziate a febbraio del 2014, fatte con servizi di osservazione, pedinamento e riprese video-fotografiche, si sono incentrate su un polo scolastico aquilano comprensivo di 6 istituti superiori ed una scuola media, e nonché su una casa limitrofa che fungeva da centrale dello spaccio.
Impressionante l’età dei giovanissimi acquirenti, che va dai 14 ai 17 anni.

L’Amnesia è il tipo di marijuana più forte in commercio: a volte l’effetto dopo una dose consumata è quello di spegnere completamente il cervello, da qui il nome del tipo di droga.

I particolari ed i video con le immagini dello spaccio, saranno divulgati durante una conferenza che si terrà presso gli uffici della Questura alle ore 10:15 odierne.

Redazione Independent

venerdì 13 giugno 2014, 08:15

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
marijuana
amnesia
scuola
l'aquila
notizie
minori
spaccio
Cerca nel sito

Identity

Società

di Benny Manocchia

Consumismo Americano

Società

di Benny Manocchia

Leggi americane

Storia

di Benny Manocchia

C'era una volta in America

Sport

di Benny Manocchia

Quando Pelé mi disse..

Storia

di Benny Manocchia

Playboy italo-americano