Un episodio imprevedibile?

Si stacca un tubo in alluminio negli spazi della parrocchia dei Padri Oblati e colpisce una studentessa del Da Vinci

Un episodio imprevedibile?

EVENTO IMPREVEDIBILE? - Sarà ma il senso del comunicato giunto alle redazioni per spiegare il caso della studentessa 19enne, del Liceo Scientifico di via Vespucci a Pescara, colpita da un tubo di alluminio qualche dubbio lo lascia.“Mentre stava attraversando l'area di passaggio, all'aperto, tra lo spogliatoio e il campo di basket in uso alla scuola, si è staccato un tubo che fa parte di una struttura in alluminio e l'ha colpita. Un grande spavento per la studentessa che però non ha perso il sensi e non ha riportato ferite. E' stata subito soccorsa dal personale sanitario del 118. Immediatamente sono arrivati sul posto il dirigente scolastico Giuliano Bocchia, i genitori della ragazza, il personale della Provincia di Pescara e il parroco dei “Padri Oblati”, considerato che gli spazi dove si è verificato l'incidente non sono di proprietà della Provincia ma sono proprio della parrocchia e vengono concessi alla scuola per l'attività fisica. A scopo precauzionale la giovane è stata anche condotta in ospedale, su richiesta dei familiari, e dopo pochissime ore è stata dimessa ed è tornata a casa”. Sono il vice presidente e assessore provinciale alla Pubblica istruzione Fabrizio Rapposelli e il dirigente scolastico del De Vinci a riferire come si sono svolte le cose stamani.

LA RICOSTRUZIONE - “La borchia che teneva bloccato questo tubo in alluminio - dicono Rapposelli e Bocchia - si è staccata all'improvviso e il tubo è caduto da un'altezza di circa due metri. Sotto stava passando la studentessa per cui il tubo ha 'percorso' solo una trentina di centimetri, cadendo verso il basso, prima di toccare la studentessa, mentre l'altra parte dell'asta è rimasta attaccata (si è provveduto poi a smantellarla). Un episodio assolutamente imprevedibile e fortunatamente irrilevante considerato che la studentessa sta bene, e per il quale non intendiamo procedere contro nessuno". Dunque, non è successo nulla ma bisognerà spiegarlo anche ai genitori della ragazza che, sicuramente, hanno vissuto momenti di puro terrore.

Redazione Independent

sabato 10 marzo 2012, 17:29

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
studentessa
tubo
d'acciaio
da vinci
liceo
scuola
parroco
padri oblati
giuliano bocchia
fabrizio rapposelli
giovane
19enne
I vostri commenti

Nicola Chiavetta

Secondo me è semplicemente assurdo che la Provincia non voglia denunciare nessuno. Come si dice in questi casi, "poteva essere una tragedia", e solo perchè non è successo nulla PER UN PURO CASO, la Provincia decide di lasciar perdere? Contenti loro...

domenica 11 marzo 2012, 23:16

Cerca nel sito