Un "Treni" imperdibile

Domani nel carcere di San Donato un'opera teatrale scritta dai detenuti attori e studenti del Liceo Pedagogico

Un "Treni" imperdibile

UN "TRENI" IMPERDIBILE - «Perché un pensiero cambi il mondo, bisogna che cambi in esempio di vita» (CAMUS). E’ questo quello che è avvenuto con il progetto LIBERA-MENTE, con il suo laboratorio teatrale, in realizzazione per il  terzo anno presso la Casa Circondariale di  Pescara. Domani alle 15, nella sala del teatro della Casa Circondariale di Pescara, gli attori (detenuti ed alunni della V C del Liceo pedagogico “ Marconi” di Pescara) presenteranno  il lavoro dal titolo “TRENI” . L'iniziativa trattamentale è stata resa possibile dal grande senso civico dell’Associazione  Onlus “AD HOC”  (Presidente Sig.ra Mauela Tabossi, collaboratrice Sig.ra Angela Savino) di Pescara .

REINSERIMENTO SOCIALE - Il pensiero normativo del trattamento personalizzato funzionale al reinserimento sociale delle persone detenute, nel laboratorio teatrale si è trasformato in esempi concreti di VITA all’insegna della  riabilitazione sociale. Anche quest’anno, come ormai è tradizione del laboratorio , viene offerto lo spettacolo finale sia alla restante popolazione detenuta, con spirito di compartecipazione e condivisione, sia alla società libera.

LABORATORIO TEATRALE - Quest’anno , però, il laboratorio è stato condotto unitamente agli studenti di una Quinta classe  ( la V  - C) del Liceo Pedagogico “ Marconi “ di Pescara, grazie alla lungimiranza e professionalità del loro Dirigente  Prof. Rossi e della loro Prof.ssa Maria Di Dedda. Il pensiero che si realizza in condotte concrete è stato quello di promuovere nei fatti una cultura del cambiamento, dell’accoglienza, della tolleranza  soprattutto tra le nuove generazioni deputate ad essere la società del prossimo futuro. 

REPLICA AL FLAIANO -  Si replica la sera successiva, alle ore 21, presso il tratro Flaiano di Pescara sul Lungomare sud 

I VERSI DEL PROTAGONISTA - “Mille sono i treni che passano in una vita, mille sono le occasioni ……un   treno   racchiude  il seme della rinascita….…. Un treno che traduce la parola dolore con la parola speranza ….Il biglietto per quel treno dovrà contenere la tua coscienza , ciò che sei, ciò che vorrai fare …. ciò che farai…Solo se avrai quel biglietto, avrai l’accesso a quel treno. Solo se sarai pronto lo sentirai arrivare ….e se lo sentirai arrivare, lo vedrai .…. Apri i tuoi occhi e la tua anima  …. E   guarda “, così recita il protagonista ed è  questo il senso ed il messaggio del lavoro trattamentale compiuto sia per i detenuti che per la società .

Reda Inde

martedì 08 maggio 2012, 11:04

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
franco pettinelli
maria lucia avantaggiato
carcere
san donato
pescara
liberamente
liceo pedagogico
detenuti
attori
Cerca nel sito