Umberto Di Primio e i "giochi gender"

Il sindaco di Chieti attacca duramente il centrosinistra triestino: "Nelle scuole della mia città non permetterei mai queste cose"

Umberto Di Primio e i "giochi gender"

UMBERTO E I "GIOCHI GENDER". "Non permetterei mai che a scuola si facessero i giochi "gender" che Comune e Regione di centrosinistra hanno voluto a Trieste".

Parola del sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, che interviene in questa maniera sulla sua pagina Facebook.

"Il rispetto per le idee altrui - aggiunge il primo cittadino teatino - è sacro, anche quando si afferma che la famiglia è quella costituita da un uomo e una donna e che genitori non possono che essere un uomo e una donna". Amen.

Il corriere teatino

martedì 17 marzo 2015, 11:34

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
diprimio
attualita
gender
scuola
chieti
polemiche
Cerca nel sito

Identity