Ultras ucciso a Pescara, 30 anni a Massimo Ciarelli

Il tribunale ha condannato a 19 anni e 4 mesi il nipote Domenico e i cugini Luigi, Antonio e Angelo

Ultras ucciso a Pescara, 30 anni a Massimo Ciarelli

OMICIDIO DEL PRIMO MAGGIO: 30 ANNI A MASSIMO CIARELLI. Il gup del Tribunale di Pescara, Gianluca Sarandrea, ha condannato a 30 anni di reclusione Massimo Ciarelli, per l'omicidio di Domenico Rigante, il 24enne tifoso del Pescara, ucciso con un colpo di pistola il primo maggio 2012 dentro la sua abitazione in via Polacchi. 

Il verdetto ha inoltre condannato anche i complici di quella spedizione punitiva: a 19 anni e 4 mesi il nipote di Massimo Ciarelli, Domenico e i cugini Luigi, Antonio e Angelo.

Redazione Independent

lunedì 03 febbraio 2014, 20:22

Sostieni l'informazione libera, indipendente e di qualità anche con 1 euro

Tags:
massimo ciarelli
condannato
sentenza
domenico rigante
ultras
Cerca nel sito